Monthly Archives: agosto 2007

Octavia Sperati: Winter Enclosure

Brave e belle Il livello estetico medio complessivo di questo combo norvegese tutto femminile, supera di gran luna qualunque altro mai esistito prima del 2000… Ma c’è molto, moltissimo di più (per fortuna). “Doom’n’Roll”, se così si può dire: attitudine ...

Leggi »

Nomoredolls: Nomoredolls

Di tutto un po’! Innegabilmente rock, evidentemente melodico, inconfutabilmente compatto e stagno. I Nomoredolls, quartetto milanese che ha spopolato negli USA ed in Gran Bretagna grazie soprattutto ad un piglio live deciso ed efficace, devono l”emersione dal mucchio’ (la meritocrazia ...

Leggi »

MGR: Nova Lux

Estro_versioni d’introversione Ai pensieri impuri, preferiamo non dar voce. Li confiniamo negli angoli più bui della nostra anima, invisibili alla nostra coscienza intollerante… Con “Nova Lux”, hanno trovato spazio in un suono. Ed è quello, lasciate che la vostra mente ...

Leggi »

Madder Mortem: Desiderata

Il goth che ci prova (e ci riesce) Alla prima uscita sotto Peaceville, la formazione norvegese capitanata dai fratelli Kirkevaag decide di palesare la propria esperienza: tre album alle spalle, e state pur tranquilli che si sente, eccome. “Desiderata” è, ...

Leggi »

Kings Of Leon: Aha Shake Heartbreak

Mi perplime e mi chiedo: “Perché?” La primissima impressione che si ha di questo lavoro, seguito dopo nemmeno un anno al precedente, piuttosto caldamente accolto dalla critica italiana “Young and Youth Manhood”, è seriamente negativa, non scherzo. Ma se non ...

Leggi »

Katatonia: The Great Cold Distance

Quel lungo viale delle rimembranze Niente issues coi Katatonia, nessun conto in sospeso. A livello personale almeno; non è mistero non attribuissi grosso valore al precedente “Viva Emptiness” per un motivo tranquillamente attribuibile a quel momento, inevitabile credo per un ...

Leggi »

Fire In The Head: Meditate/Mutilate

Sta urlando il peggio di noi “I went out to the hazel wood/Because a fire was in my head…” (William Butler Yeats) L’anticamera di questa dimensione cerebrale, è un artwork ostile, freddo come l’acciaio, devastante come fiamme… Un colpo sta ...

Leggi »

Canaan: The Unsaid Words

Perdizione in ambient(e) “La vita morde forte alle spalle/e quando sorride/fa soltanto del male. Inganna, confonde, poi ti mente/accarezza poi disprezza/cancella tutto quando vuole/senza darti una risposta/senza darti un’altra volta…“: questo, lo spirito degl’italianissimi Canaan, col cui “A Calling To ...

Leggi »

Bullet For My Valentine: The Poison

I cattivi ragazzi dal “core” tenero Nativi del Galles, ovvero di quello stesso semenzaio da cui provengono anche Lost Prophets e Funeral For A Friend, i Bullet For My Valentine dichiarano d’esser cresciuti a pane, Metallica ed Iron Maiden… e ...

Leggi »

Thom Yorke: The Eraser

Terapi_edite C’è stato un momento, in un passato non troppo remoto, in cui il leader dei Radiohead ha perso fiducia nel futuro della sua band. Il 2004 volgeva al termine: concluso il tour di “Hail To The Thief”, Thom Yorke ...

Leggi »
Scroll To Top