Monthly Archives: Agosto 2007

Audrey Horne: No Hay Banda

Affascinati dal crepuscolo della modernità Due citazioni lynchane ed è amore a prima vista. Non c’è Angelo Badalamenti a orchestrare gli ex di Enslaved e Gorgoroth, non ci sono grimness né face painting, bensì un nu grunge che sa essere ...

Leggi »

Audiovision: The Calling

Un lavoro impedibile per i defenders del passato. Nuovo canestro per il poliedrico Christian Rivel. L’emblematico e versatile vocalist svedese si cimenta in un nuovo progetto, regalando un’altra impeccabile performance canora. Questa volta il sound ha caratteristiche marcatamente classic heavy, ...

Leggi »

Atrox: Orgasm

Una creatura bella e intelligente Gli Atrox ci avevano già abituato a copertine stravaganti, solitamente popolate da mostriciattoli piò o meno inquietanti (questo è il turno dei più), ma con il retro del digipack sfornato dall’italianissima Code666, la stessa cantante ...

Leggi »

Atreyu: A Death-Grip On Yesterday

È proprio solo emo e melodia? Ci sono quelli che gli Atreyu li snobbano per partito preso, perché hanno le frangette, perché usano l’eyeliner più di Britney Spears, perché hanno i ritornelli melodici, perché piacciono tanto ai giovani emo di ...

Leggi »

Atomsmasher: Atomsmasher

Un monumento di psych-grind digitale James Plotkin. Un uomo, una garanzia. Un terrorista culturale che, con i suoi O.L.D. e l’egida della un tempo gloriosa Earache, si dimostrò avanti di dieci anni. Altri tempi, altri luoghi, altri nomi. Fudge Tunnel, ...

Leggi »

Atheist: Unquestionable Presence

La chiave di volta del death metal tecnico È con “Unquestionable Presence” che gli Atheist settano uno standard talmente alto che ancora oggi è difficile trovare qualcosa di solo lontanamente paragonabile. La band ha preso gli aspetti migliori di “Piece ...

Leggi »

Atheist: Piece Of Time

Un pezzo di storia Difficile capire chi fu, ormai più di quindici anni fa, l’origine prima di questo quasi-genere: death metal contaminato da influenze jazz, come nel caso degli Atheist, o fusion per quanto riguarda i Cynic, più tardi una ...

Leggi »

Atheist: Elements

Tre album, quattro elementi, cinque artisti Terzo ed ultimo lavoro degli Atheist, che perdono il batterista storico Steve Flynn (in cambio Josh Greenbaum, negli Aleka’s Attic del fu River Phoenix),  e aggiungono un terzo chitarrista alla line up, giusto per complicare ancora ...

Leggi »

Ataraxia: Arcana Eco

Bellissimo capitolo riepilogativo da collezione “Arcana Eco” è un progetto molto particolare; impegnativo per il gruppo, che ha deciso d’offrire ai fan un’inusuale sguardo sulla loro carriera a partire dagli inizi fino agli Ataraxia d’oggi, tramite mezzi che per essere ...

Leggi »

Art Brut: Bang Bang Rock & Roll

L’ho vista nuda… DUE VOLTE! La demenza al servizio dell’acume. O forse l’esatto opposto. In ogni caso i testi e l’attitudine degli Art Brut non sono casuali (ma visceralmente spontanei), al contrario delle note che il gruppo riesce con fatica ...

Leggi »
Scroll To Top