Monthly Archives: Agosto 2007

Aeternitas: La Danse Macabre

No no no no no, ancora una volta per favore! Vi è un’assurda gaiezza immotivata nel modo in cui dalla Germania arrivano sempre più cocktail musicali confezionati con lussuosa copertina che assembla simbologie enigmatiche senza senso, premesse pompose di commistioni ...

Leggi »

After Forever: Remagine

Re-immagina che… Immagina che una terra misconosciuta e di nicchia come il symphonic power metal diventi per magia una piccola miniera d’oro; la conseguenza è ovvia: molti limitrofi abitanti di quelle lande si affannerebbero a recarvisi brandendo pala e piccone. ...

Leggi »

Ambition: Ambition

Interpretazione da oscar dello spirito A.O.R. Dopo il successo registrato dall’uscita “Allen–Lande”, il secondo esperimento di quest’anno della Frontiers volto a sposare famose ugole, si chiama “Ambition”. A spartire un pentagramma di musicalità ed impatto questa volta si alternano Thom ...

Leggi »

Alyson Avenue: Omega

Melodia a piene mani per un tuffo negli anni 80 La storia degli Alyson Avenue sembra una corsa a ostacoli. Formatisi nel lontano 1989, hanno dovuto attendere ben undici anni prima di trovare un’etichetta che li mettesse sotto contratto facendoli ...

Leggi »

Allhelluja: Inferno Museum

Forti tentazioni Un rock and roll infernale e un’immagine conturbante sono i due ingredienti su cui gli Allhelluja basano il loro filtro d’amore per un pubblico che sta da qualche tempo cominciando a riassaporare con gusto il sudore del rock. ...

Leggi »

Allen/Lande: The Battle

Where have the angels gone? Viene facile pensare che a volere un album che vedesse insieme, impegnati dietro la stessa barricata, l’americano Russell Allen e il norvegese Jorn Lande, fossero davvero in tanti. Solo che magari per scaramanzia non osavano ...

Leggi »

Alix: Ground

Vagonate di groove made in Italy La decennale carriera dei bolognesi Alix sboccia definitivamente con il nuovo album “Ground”, dove viene abbandonato definitivamente il cantato in italiano. Il sound della band trova la quadratura attorno alla suggestiva voce della front-woman ...

Leggi »

Alice In Chains: Dirt

Un disco che è droga psichedelica maledetta Nessuno come gli Alice In Chains, né prima, né durante, né dopo: impossibile, semplicemente. Lo avevano capito i discografici della Sony, che preparavano il loro attacco alle altre major ed agli artisti rock ...

Leggi »

Alex Skolnick Trio: Transformation

Alex Skolnick in un album didascalico Chi aveva sentito il suo effetto nei Savatage di “Handful Of Rain” in seguito alla carriera in seno ai Testament, aveva già subdorato la sensibilità jazz in questo chitarrista eccezionale. Che si sarebbe in ...

Leggi »

Afterhours: Ballate Per Piccole Iene

Sii perfetto se precipiti Siamo vivi per usarci. Con queste parole gli Afterhours introducono il loro nuovo lavoro, quasi a sancire da subito la matrice cupa e disillusa di un disco che li vede proseguire sulla strada già tracciata con ...

Leggi »
Scroll To Top