Monthly Archives: Gennaio 2008

Sircle Of Silence: Sircle Of Silence

Cui prodest? Aprire una recensione questionando le motivazioni per le quali si arrivi nel 2007 a ristampare due album originariamente pubblicati tra il 1994 ed il 1995, neanche fossero misconosciute pietre miliari da strappare a tutti i costi all’oblio, sarebbe ...

Leggi »

Sonny Red: Extent Of Soul

Chi ben comincia… Bando alle ciance: “Extent Of Soul” è un ottimo album. I Sonny Red, quintetto di Marseille, si presentano al grande pubblico sfornando un disco che prende forma grazie a variegate influenze, che contribuiscono ad arricchire il sound ...

Leggi »

Enemy Of The Sun: Shadows

Di tutto un po’ Ormai lo sappiamo: Waldemar Sorychta rappresenta uno di quegli artisti che troviamo un po’ d’appertutto (un novello Portnoy, per intenderci), che sceglie sempre vie differenti per dare sfogo alla sua vena creativa. Dopo l’episodio più o ...

Leggi »

The Burning: Storm The Walls

Macigni che si sgretolano Mai come ora un titolo ha la capacità di dire (quasi) tutto… I The Burning sono un quartetto danese che propone un death interamente incentrato sull’impatto: pochi fronzoli, pochi convenevoli, “Storm The Walls” è un agglomerato ...

Leggi »

Misery Speaks: Catalogue Of Carnage

Prosegue l’ascesa Interessante nuova release per i tedeschi Misery Speaks che, con questo fiammante “Catalogue Of Carnage” spingono ancora di più sull’acceleratore rispetto al disco precedente, nonche debutto. Per quanto la proposta musicale di questa band poco si discosti da ...

Leggi »

Palace Terrace: Flying Through Infinity

Proprio non ci siamo Lion Music: ovvero, prog e dintorni. Purtroppo però, se in passato abbiamo constatato come la label in questione abbia lanciato delle vere perle (Freak Neil Inc. su tutti), questa volta il buco nell’acqua assomiglia ad un ...

Leggi »

Crematory: Pray

Tutto secondo i piani Dopo diciassette anni di carriera fatta di alti e bassi, eccoci di fronte ad una nuova dimostrazione che i Creamtory, forse, hanno già giocato tutte le loro carte in passato. Di fatto, questo “Pray” nulla aggiunge ...

Leggi »

Meliah Rage: Death Valley Dream

Ogni cosa a suo tempo Quando il tuo tempo ti ruba la scena, quasi fossi un estraneo di questo mondo, si può solo accettare il proprio destino o tentare di resuscitare quello che fu e che non venne mai reso ...

Leggi »

Folk Stone: Briganti Di Montagna

Tutti in taverna! Possenti e fieri come guerrieri di un tempo remoto, con lo spirito baldanzoso di chi vive ogni giorno per l’onore, la birra e qualche moneta d’oro. Cercando di salvare la pelle. È un canto emozionante e genuino ...

Leggi »

Gamma Ray: Land Of The Free II

Nomen omen Parafrasando un proverbio abbastanza noto, la mamma dei “Part II” è sempre incinta. Evidentemente anche il buon Kai Hansen deve essersi fatto sedurre dalla perversa femmina e in questi casi non ci sono contraccettivi che tengano. Presa nota ...

Leggi »
Scroll To Top