Monthly Archives: aprile 2008

Il Treno Per Il Darjeeling

Metti un treno, l’India e Wes Anderson Sta per uscire in Italia l’ultimo film del texano Wes Anderson, tra i protagonisti dell’ultima Mostra Del Cinema di Venezia. Tre fratelli che non si parlano da un anno, da quando cioè loro ...

Leggi »

Gonfiate i vostri muscoli a pagamento!

È quello che un po’ tutti vorrebbero fare, per evitare lunghe sedute in palestra, rigide diete e disgrazie di natura riconducibili al proprio albero genealogico. Finora i soli chirurghi estetici erano riusciti a scucire quattrini ai poveri malcapitati vogliosi di ...

Leggi »

La Zona

Un mondo per i ricchi e un mondo per i poveri È un po’ racconto pulp, ma soprattutto una critica sociale, questo “La Zona”, film d’esordio del messicano Rodrigo Pià, distribuito in Italia dalla Sacher di Nanni Moretti. La storia ...

Leggi »

Racconti Da Stoccolma

Quando le buone intenzioni non bastano Diciamolo subito: “Racconti Da Stoccolma” non è un gran film. Per furbizia piuttosto che per pigrizia, o magari per sincera pietas e necessità di denuncia, Anders Nilsson mette in scena tre storie di sopraffazione ...

Leggi »

Marco Sfogli: Umiltà e passione

Non sono uno che ama stare al centro dell'attenzione e dimostrare ciò che riesce a fare con lo strumento; non mi sono mai sentito uno shredder

Leggi »

La Terza Madre

Non proprio una trilogia Terza madre e anche terzo tassello di una trilogia – quella, appunto, delle cosiddette tre madri – che Dario Argento cominciò nell’ormai lontanissimo 1977 con lo splendido “Suspiria”. Poi fu il turno di “Inferno” e infine ...

Leggi »

Whitesnake: Good To Be Bad

Bad Boys È facile lasciarsi trasportare dall’entusiasmo davanti alla nuova fatica di un musicista che ha contribuito a definire l’hard rock. Ed è tanto banale quanto effettivo constatare l’importanza che un personaggio come David Coverdale ha avuto e, sotto varie ...

Leggi »

Trinacria: Travel Now Journey Infinitely

Inutili picciotti norvegesi I Trinacria non sono siciliani. Sono invece l’ennesimo rimescolamento di già noti artisti della scena estrema norvegese, giunti per chissà quali strade a questo monicker da scena mediterranea. Le misticanze scandinave hanno spesso dato ottimi frutti, si ...

Leggi »

The Dresden Dolls: No, Virginia

No, Amanda. We still love you. Quello che di affascinante e sorprendente c’era da dire sui Dresden Dolls è già stato detto e ripetuto. Ritrovarsi a leggere di un gruppo che autodefinisce la propria opera come Brechtian punk cabaret non ...

Leggi »
Scroll To Top