Monthly Archives: aprile 2008

Brown Jenkins: Angel Eyes

C’era una volta… Tanto tanto tanto tempo fa, in una terra lontana lontana in cui la civiltà non era arrivata, in cui gli esseri umani ancora vagavano liberi per le lande desolate e l’idea di musica era rappresentata da un ...

Leggi »

SorgSvart: Vikingtid Og AnArki

Anarkovichinghi all’orizzonte Affacciarsi al variopinto mondo del black metal referenziati da Mr. Nocturno Culto è una di quelle cose che orde di satanici adepti del metallo si sognano la notte. O forse no. Già perché nell’anno domini 2008, visto cosa ...

Leggi »

Azaghal: Omega

Codex: blackmetal Settimo sigillo marchiato a fuoco Azaghal. Il ritorno di una banda assurta a culto, e che oggi sforna uno dei migliori episodi della sua sterminata discografia. Nel corso dei sette dischi che hanno tracciato le gesta dei nostri ...

Leggi »

Animus Mortis: Atrabilis (Residues From Verb & Flesh)

Santiago goes black metal Debutto sulla lunga distanza per questo progetto cileno, non esattamente una terra passata alla storia per la fervente scena black metal. La Debemur Morti si spinge fino in quel di Santiago per andare ad estrarre del ...

Leggi »

Leviathan: Massive Conspiracy Against All Life

In conspiracy with Satan La creatura Leviathan giunge ad un nuovo stadio evolutivo. Eventualità attesa per una band che aveva, fin da subito, dato segnali edificanti sullo stato di salute del black metal made in USA, a lungo considerato poco ...

Leggi »

Avsky: Malignant

Fantasmi ricorrenti… Lo spettro dei Darkthrone è forse il fantasma più difficile da ricacciare nell’antro oscuro da cui è uscito, fin da quel 1993, anno in cui venne liberato dai solchi di “A Blaze In The Northern Sky”. Da allora ...

Leggi »

Celestial Bloodshed: Cursed, Scarred And Forever Possessed

From the Dark Past Retrogrado: che/chi è attaccato al passato e contrario al progresso. In un ipotetico dizionario incrociato grammatico-musicale alla stessa voce comparirebbe anche il monicker Celestial Bloodshed, avvinghiati a un passato che non passa, talmente arroccati su posizioni ...

Leggi »

The Buckshots: 3 Jacks High

Buck Jack! Ancora un trio, ancora Svezia, ancora Heptown Records. Come i colleghi di etichetta Astrolites (recensiti qualche mese fa sulle pagine di Loudvision), i The Buckshots si rifanno all’iconografia anni ’50 e ai suoi derivati sonori, solo con un ...

Leggi »

Astrolites: Hard Luck

Balla che ti passa Gli svedesi lo fanno meglio. Il rock, s’intende! O rockabilly che sia. Anzi, hi-speed rockabilly. Sì, ecco, hi-speed rockabilly, questo è giusto. Per dirla con gli Astrolites. Che poi la formula sia più o meno facile, ...

Leggi »

Totenmond: Thronräuber

Wannabe Totenmond, maybe not Alla facciazza di tutti quanti, ecco “Thronräuber”, ultimo macilento, poderoso, massiccio, stantio parto del cazzutissimo trio teutonico noto ai più col nome di Totenmond. Dieci pezzi monolitici che riprendono paro paro tutti gli schemi su cui ...

Leggi »
Scroll To Top