Monthly Archives: Marzo 2010

The Rodeo: Music Maelström

Il nuovo vecchio folk The Rodeo è Dorothée Hannequin, giovanissima francese che canta in inglese: tutti i presupposti per odiarla. Invece no! Ms.Hannequin, a partire dal nome della sua one woman band, ha assorbito a tal punto la cultura nordamericana ...

Leggi »

Efterklang: Magic Chairs

Fredda Danimarca La band è danese e si sente. La musica è ambient orchestrale elettronica. Gli arrangiamenti molto curati, di modo che le canzoni risultano tutte molto dinamiche seppur omogenee. L’equilibrio è perfetto tra frammentazioni ritmiche, polifonie vocali, orchestre e ...

Leggi »

Gonja Sufi: A Sufi And A Killer

Yoga per le orecchie Gonja Sufi o lo si ama o lo si odia. Ossessivo, elettronico, cattivo, sempre storto, sempre stravagante. C’è tutto in lui, mischiato con intelligenza e cultura, in un genere musicale globale che prima che da noi ...

Leggi »

dan le sac Vs Scroobius Pip: The Logic Of Chance

Militare per l’inglese dell’Estuario È vero che quella hip hop è una delle scene più fresche e innovative che si possano trovare in Inghilterra? È vero. Lo dimostrano dan le sac e Scroobius Pip, duo catapultatosi nel semisuccesso in seguito ...

Leggi »

Asia: Omega

A tale of two bands… Il nuovo album degli Asia, “Omega”, esce a due anni di distanza dal precedente “Phoenix”. Gruppo storico formatosi nei primi anni ottanta ci propone dodici pezzi di pregevole fattura: già a partire dalla prima traccia ...

Leggi »

Tesla: Alive In Europe 2009!

Live forever and more Terzo live per i Tesla a quasi 25 anni dal debutto. Quarto se si conta il dvd di circa due anni fa. Registrandolo nel vecchio continente, la band ha così voluto immortalare il tour europeo di ...

Leggi »

The Strange Boys: Be Brave

Coraggiosamente vintage Immaginatevi un cantante a metà strada tra Steven Tyler e Bob Dylan, piazzatelo su un tappeto sonoro talvolta quasi country, acido, garage, che riporta agli anni ’60 del delirio hippie. Questi sono i texani The Strange Boys. Indie ...

Leggi »

Ti spio, non ti spio, ti spio, non ti spio…

Questo è il Paese dove tutto è approssimato e traballante, tanto che la Torre di Pisa dovrebbe essere raffigurata sulla bandiera, quale simbolo di una nazione perennemente obliqua. Così, tutto diventa “enterteinment” (“panem et circenses” dicevano i latini), un arguto ...

Leggi »
Scroll To Top