Monthly Archives: settembre 2010

The Oath: Self-Destructed

Da Lione con furore I francesi The Oath, band giunta al terzo lavoro in studio, declinano la corrente death/black con qualche timida venatura tecnica, aggiungendoci una massiccia dose di synth ed effetti per rendere l’ascolto un po’ meno ostico. Non ...

Leggi »

Blutmond: Thirteen Urban Ways 4 Groovy Bohemian Days

Mal di città Originale e molto libera la ricetta ambient degli svizzeri Blutmond, i cui presupposti artistici risiedono in un black metal quanto mai poco canonico. Monologhi fuori dai brani, rumori e lamenti inframmezzano brani ispirati da una specie di ...

Leggi »

Gonja Sufi: The Caliph’s Tea Party

Quest’uomo è un genio Questo CD è un gioco e uno scherzo. Ma molto intelligenti e gradevoli. Gonja Sufi è già di per sé un artista molto versatile, dare i suoi pezzi da remissare a vari dj, che hanno ribaltato ...

Leggi »

The Jim Jones Revue: Burning Your House Down

Ritmo rock n’ roll e furia punk Nuovo album per i Jim Jones Revue, che rileggono il blues e il rock n’roll attraverso la furia del punk. Dall’apertura parte una rapida cavalcata selvaggia che non dà mai segni di cedimento ...

Leggi »

Grinderman: Grinderman 2

Secondo capitolo Nick Cave sembra non volersi fermare. Ovunque passi si accende un fuoco che produce ceneri. Dai residui delle ceneri nascono progetti. È stato così con i Birthday Party, i Bad Seeds e adesso con i Grinderman, ultima incarnazione ...

Leggi »

In Peluche Darkness Triumphant…

Dopo tre anni dall’ultima esibizione milanese, e in concomitanza con l’uscita di “Abrahadabra”, i Dimmu Borgir tornano in un Alcatraz non certo affollatissimo ma pronto a scatenarsi con i loro suoni mefistofelici. Aprono l’esibizione i Powerwolfe e i Trypticon di ...

Leggi »

Sanspapier: Manuale D’Uso Per Giovani Inesperti

Passi da gigante Ci piacciono eccome i SansPapier, fin dal primo ascolto che lascia un gusto fresco di quel rock scanzonato (però bugiardo) nelle sue segrete, dove nasconde invece serie verità. Il duetto vocale maschile e femminile funziona alla grande ...

Leggi »

Armoteque: Find Position

L’elettronica al servizio della musica Provate a pensare a una città come Bologna. Immaginate un duo che si trasforma in un trio, tutto il resto sono suoni elettronici al servizio della musica e delle papille gustative che però questa volta ...

Leggi »

Maybe I’m…: We Must Stop You

Blues desertico Se provate a mettere insieme le terre country aride del far west con le sponde blues umide del Mississippi il risultato ottenuto porterà sicuramente il nome Maybe i’m… È proprio questo binomio caratterizzato da chitarre acustiche, violino, organo ...

Leggi »

Twelve Days Of Fitness: Seven Songs EP

Sette perle Sette canzoni che sembrano un album di un gruppo già navigato nelle tempestose acque del mare musicale, e invece scopriamo che “Twelve Days Of Fitness” è un debutto, con il botto, aggiungiamo noi. Il connubio chitarre elettriche e ...

Leggi »
Scroll To Top