Home > Recensioni > 24 Grana: La Stessa Barca
  • 24 Grana: La Stessa Barca

    24 Grana

    Loudvision:
    Lettori:

Correlati

Hanno scoperto l’America

Chi pensa che questa sia l’Italietta delle mezze misure, dei lavori senza pretese e del pop senza significato, si sbaglia di grosso.

Un esempio? Il decimo lavoro in studio dei 24 Grana si lascerà ricordare proprio per l’importanza di quello studio. Perché Di Bella & soci sono sbarcati a Chicago, ad ospitarli uno Steve Albini decisamente motivato che li ha condotti presso gli studi Electrical Audio. Lì dentro sono state registrate dieci tracce in presa diretta.

“La Stessa Barca” è il titolo del disco, che definire un concerto non guasterebbe. L’energia dei live e un punto sulla situazione attuale: eccone la descrizione. Il tutto con l’aggiunta di un sound quanto mai gradevole. Di quelli che nello stereo ci stanno proprio bene.

A Napoli avevano l’orizzonte del mare, eppure l’hanno superato. In Italia avevano un pubblico affezionatissimo, eppur cercano palchi da conquistare in tutto il mondo.

Dev’essere vero che siamo tutti su “La Stessa Barca”, ma i 24 Grana sono stufi di questo andamento lento. Si sono tuffati, hanno nuotato fino alla costa più assolata. Il viaggio è stato ispirazione e sorpresa, bei testi e melodie senza lingua. “Ombre”, “Turnamme A Casa” e “Malavera” sono solo i primi bellissimi souvenir che scartiamo. Tutto il resto è live.

Pro

Contro

Scroll To Top