Home > Recensioni > 2Pigeons: Akustik
  • 2Pigeons: Akustik

    La Fabbrica / venus

    Data di uscita: 24-01-2014

    Loudvision:
    Lettori:

Prendete i Dresden Dolls, educateli a uno stile di vita più raffinato ed elegante- non che Amanda Palmer sia da reinventare, eh- e colorateli con un po’ di jazz, ambient e pop. Avrete plasmato la coppia Chiara Castello+Kole Laca, aka i 2Pigeons.
Già noti per il loro forte eclettismo, con “Akustik” i due artisti si mettono alla prova creando atmosfere cabarettistiche, talvolta cupe (“Spiky”, “Biko”), e ricche di sentimenti; positivi o negativi che siano, sono i sentimenti a impregnare il lavoro fino all’ultima goccia, dando la prova inconfutabile che dimostrarsi umani nella musica è un pregio.
La voce di Chiara ha un timbro meraviglioso che si sposa alla perfezione con le note puntate emesse dal quasi lugubre pianoforte di Kole.
Un disco che bisogna ascoltare.

In “I’m Not The Prophet” la voce femminile sembra evocare un misto tra Bat For Lashes e Björk, pur mantenendo una sua peculiarità ed unicità, le quali, fuse con la base ritmica e il pianoforte, sprigionano una sensazione di calore umano devastante.
I 2Pigeons non si possono definire in alcun modo: sono quello che suonano (come direbbe qualcuno) e vanno benissimo così. Naturali, puri, ma soprattutto degli autentici mangiapane.
Che per gli antichi greci (e anche per noi) è un signor complimento.

Pro

Contro

Scroll To Top