Home > Report Live > 37 anni splendidi

37 anni splendidi

Gli Stranglers hanno la mia età, e, come me, la portano splendidamente. Però c’è da dire che il concerto del Live non era per tutti. Il fatto che in molti conoscano pezzi degli Stranglers (“Golden Brown” o “Peaches”, tanto per dire) ma non sappiano di chi essi siano non deposita a favore della decisione di sfidare la pioggia e recarsi a Trezzo per loro. Quanto al biglietto di ingresso: 30 euro. Non per tutti.

Il pubblico degli Strangleres è composto per lo più da quaranta cinquantenni entusiasti che ballicchiano e strillano.

La band sul palco è vestita di nero, in camicia e pantaloni, divisa d’ordinanza che fa tanto anni ’80, che è un po’ quel che il pubblico va cercando. Ricordare, di fronte a due Stranglers su quattro, i bei tempi che furono.

Personalmente io vado matta per il bassista Jean Jacques Burnel, per il suo caldisimo tono di voce e per l’altrettanto caldo stille al basso, ma la maggior parte dei pezzi è stata eseguita dal virtuosista della chitarra Chaz Warne, che inneggiava il pubblico con un accento cockney che credevamo scomparso, e che ci ha regalato tonnellate di smorfie da assolo come non se ne vedevano più da, appunto, gli anni ’80.

Scaletta accattivante, con tanti pezzi vecchi, e una sfilza di classiconi uno dierro l’altro: “Hanging Around”, “Golden Brown”, “Strange Little Girl”, “Always The Sun” e “Peaches”. Non ci si è risparmiati manco il lungo assolazzo, come si diceva negli anni ’90, durante “Walk on by”, che ha esaltato i presenti e fatto dimenticare la pessima esecuzione (ritmicamente sbilenca) di “Golden Brown”.

The Stranglers: gasati, carichi, comunicativi, sempre in movimento sul palco, una botta, un pieno sonoro da far spavento. Ed erano solo in quattro!


Burning up time
Sometimes
The raven
Lowlands
Hey! Rise of the robots
Hanging around
Unbroken
Time was once on my side
Golden brown
Strange little girl
European female
Always the sun
Walk on by
Freedom in insane
Peaches
Mercury rising
5 minutes
Relentless
Lost control
Shut up
No more heroes
Something better change

Scroll To Top