Home > Zoom > 3D: il cinema in profondità: RealD Cinema

3D: il cinema in profondità: RealD Cinema

I film che in questa rassegna gareggeranno per il “Premio Persol 3-D per il miglior film 3-D stereoscopico dell’anno” saranno riprodotti con la tecnologia RealD, proprietaria della RealD 3D. Andando a fondo dei suoi requisiti tecnici notiamo come il suo successo sia determinato dai medesimi criteri che in passato avevano favorito lo Space-Vision 3D.

Al contrario delle precedenti tecnologie per la proiezione stereoscopica, è richiesto un solo proiettore digitale. Lo spettatore utilizzerà un peculiare tipo di occhiali polarizzati circolari.

Per simulare l’effetto tridimensionale della vista umana, la tecnologia RealD Cinema prevede la ripresa per una stessa scena di due fotogrammi: uno per ogni occhio.

I conseguenti 144 fotogrammi al secondo vengono proiettati in sequenza da un singolo proiettore ad una velocità/frequenza due volte maggiore della normale proiezione cinematografica, per evitare sfarfallii. Le lenti degli occhiali, sincronizzate alla proiezione, fanno sì che ogni occhio scarti i fotogrammi destinati all’altro occhio.

Resta a questo punto la curiosità verso questo formato che sembra non essere un fuoco di paglia come i precedenti. Durante la 66° Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia, i film eleggibili per il premio Persol sono:

- “Viaggio Al Centro Della Terra 3D” di Eric Brevig (uscita italiana 16/01/2009)
- “Mostri Contro Alieni” di Rob Letterman e Conrad Vernon (uscita italiana 03/04/2009)
- “San Valentino Di Sangue 3D” di Patrick Lussier (uscita italiana 28/05/2009)
- “Battaglia Per La Terra 3D” di Aristomenis Tsirbas (uscita italiana 29/05/2009)
- “Coraline E La Porta Magica” di Henry Selick (uscita italiana 19/06/2009)
- “Jonas Brothers: The 3D Concert Experience” di Bruce Hendricks (uscita italiana 24/07/2009)
- “L’Era Glaciale 3: L’Alba Dei Dinosauri” di Carlos Saldanha (uscita italiana prevista 28/08/2009)
- “Up” di Peter Docter (uscita italiana prevista 16/10/2009; presentato alla Mostra nel programma Pixar)
- “The Hole” di Joe Dante (uscita prevista: febbraio/marzo 2010; presentato in prima mondiale alla Mostra)

LoudVision, che ha condiviso con voi la storia che ha portato il 3D ai giorni nostri, appoggia la filosofia ottimista di questa mostra e di Persol, secondo cui “il 3D sarà una nuova frontiera del linguaggio cinematografico, attirando l’enorme interesse creativo di cineasti e produzioni, nonché il forte gradimento del pubblico. Il 3-D stereoscopico di ultima generazione rappresenta una modalità di visione che sta riportando la sala cinematografica al centro dell’attenzione, e che ha fatto parlare di una svolta decisiva nella storia del cinema, una “terza rivoluzione cinematografica” (dopo il suono e il colore).”

In caso non ci trovassimo d’accordo con la giuria, non ci tratterremo dal dirvi qual è per noi il lungometraggio che rappresenta meglio la nuova frontiera…

Scroll To Top