Home > Recensioni > 99 Posse: Cattivi Guagliuni
  • 99 Posse: Cattivi Guagliuni

    99 Posse

    Loudvision:
    Lettori:

Album bomba

Avevamo perso ogni speranza di risentire la carica dei 99 Posse, invece, a più di dieci anni di distanza dall’ultimo, ci regalano un nuovo album, “Cattivi Guagliuni”.

La crudeltà delle liriche è ancora più agguerrita rispetto ai dischi precedenti. Si aggiungono suoni nuovi e ritmi punkeggianti, che dopo l’intermezzo più elettronico della band, segnano un ritorno alle origini.

Hip-Hop, funk, elettronica, R’n’B, reggae e testi-bomba. Un mix sconvolgente.

Solo i 99 Posse riescono a trasformare dibattiti politici in musica. Le tematiche che restano care alla band sono le stesse: repressione della libertà, disagio, povertà e ingiustizia. Il loro attivismo si traduce in musica in un crescendo di rabbia che nella voce di O’ Zulù diviene un’ irreversibile susseguirsi di parole di denuncia. Provate poi ad immaginare in questo marasma di parole la collaborazione di Caparezza o la voce Vittorio Arrigoni nel brano “Resto Umano”.
Un album esplosivo.

Pro

Contro

Scroll To Top