Alfonso Cuaròn: Torna con “Gravity”

A ben quattro anni da “I Figli Degli Uomini”, Alfonso Cuaròn torna al cinema con “Gravity”, un film che potremmo definire sperimentale. L’autore lo definisce – in un’intervista rilasciata al mensile Ciak – come un noir in cui però appare un solo personaggio (il cui interprete è ancora da decidere).

Tra le sue ascendenze Cuaròn cita Bresson: «Mi ha sempre affascinato “Un Condannato A Morte È Scappato”: è la prova che che si può costruire una storia di grandissima tensione in tempo reale con un solo personaggio». Il noir, prosegue il regista, compare sempre nei momenti storicamente difficili, il cui primo grande esempio è “Il Dottor Mabuse” di Fritz Lang realizzato in Germania nel 1922.

Scroll To Top