Associazione Festival Italiani di Cinema: le richieste al Ministero e i festival rimandati

Correlati

Come sappiamo, sono tantissime le manifestazioni che in questi giorni stanno subendo uno slittamento o addirittura la cancellazione a causa delle nuove disposizioni governative, necessarie a contenere la diffusione del COVID-19. Tra questi eventi, ci sono anche i moltissimi festival cinematografici, che ogni anno si tengono in Italia tra i mesi di marzo e maggio. Si tratta di una situazione tragica, soprattutto per tutte quelle piccole realtà culturali che lottano per continuare a esistere anche in condizioni normali.

Oggi riceviamo e diffondiamo integralmente il comunicato dell’Associazione Festival Italiani di Cinema (AFIC), in cui potete trovare l’elenco completo dei festival posticipati e le richieste, indirizzate al Ministero per i beni e le attività culturali e per il turismo, di urgenti misure speciali per affrontare questa situazione inedita.

«Mai come quest’anno è necessario attivare una sinergia e una collaborazione a tutti i livelli tra le varie manifestazioni», ha dichiarato la presidente AFIC Chiara Valenti Omero.

L’emergenza COVID-19 sta avendo pesanti ripercussioni anche sul settore cinematografico, con numerose criticità per lo spettacolo dal vivo e, in particolare, per gli eventi, costringendo a rimandare attività programmate da mesi con conseguenze negative sia sul fronte economico che su quello della logistica.

AFIC, l’Associazione Festival Italiani di Cinema che raggruppa oltre 70 festival cinematografici presenti sul territorio, intende affrontare con razionalità e determinazione l’emergenza del Coronavirus.

Ad oggi subiscono uno slittamento i seguenti festival associati:

  • FESTIVAL CINEMA AFRICANO, ASIA E AMERICA LATINA
    previsto dal 21 al 29 marzo, è stato spostato al 2 – 10 maggio 2020

  • PREMIO CINEMA GIOVANE & FESTIVAL DELLE OPERE PRIME
    previsto dal 16 al 18 marzo, è stato spostato al 4 – 6 maggio 2020

  • SGUARDI ALTROVE FILM FESTIVAL
    previsto dal 13 al 21 marzo, è stato posticipato al 7 – 15 maggio 2020

  • FLORENCE KOREA FILM FESTIVAL
    previsto dal 19 al 27 marzo, è stato posticipato al 21 – 29 maggio 2020

  • BERGAMO FILM MEETING
    previsto dal 7 al 15 marzo, è stato spostato al 23 – 31 maggio 2020

  • DIECI MINUTI FILM FESTIVAL
    previsto dal 17 al 21 marzo, al momento è stato spostato al 8 – 13 giugno 2020

  • BOLZANO FILM FESTIVAL BOZEN
    previsto dal 21 al 26 aprile, al momento è stato spostato al 9 – 14 giugno 2020

  • FAR EAST FILM FESTIVAL
    previsto dal 24 aprile al 2 maggio, è stato spostato al 26 giugno – 4 luglio

  • REGGIO CALABRIA FILM FEST
    previsto dal 16 al 21 marzo, al momento è stato posticipato

  • BUSTO ARSIZIO FILM FESTIVAL
    previsto dal 28 marzo al 4 aprile, al momento è stato posticipato

  • TRENTO FILM FESTIVAL
    previsto dal 25 aprile al 3 maggio, al momento è stato posticipato

  • LE VOCI DELL’INCHIESTA – FESTIVAL DI CINEMA DEL REALE
    previsto dal 15 aprile al 19 aprile, al momento è stato posticipato

L’elenco è in aggiornamento e potrebbe subire ulteriori variazioni e integrazioni, che verranno comunicate attraverso il sito ufficiale dell’Associazione www.aficfestival.it, dove è possibile consultare il calendario completo dei Festival AFIC 2020.

AFIC ha inoltre fatto richiesta, attraverso due lettere indirizzate al Ministro per i beni e le attività culturali e per il turismo Dario Franceschini e alla Direzione Generale per il Cinema del MiBACT, di urgenti misure speciali per affrontare questa situazione inedita.
Nello specifico:

  1. Istituzione di un fondo speciale per i festival che hanno dovuto spostare le date, e quindi sostenere costi non preventivati, a valere sulle risorse rimanenti oltre quelle previste dal riparto – che devono essere almeno in linea con l’annualità 2019 – o su nuovi fondi;

  2. Pubblicazione nel più breve tempo possibile, atta a normalizzare il settore, del bando promozione 2020 e la rapida liquidazione del saldo per le manifestazioni che hanno già presentato i rendiconti 2019;

  3. Possibilità di rendicontare, nel bando 2020, anche spese già sostenute (ad es. titoli di viaggio, spese per affissioni, etc.) prima dell’emergenza per i festival che han dovuto posticipare le date di realizzazione.

“Mai come quest’anno è necessario attivare una sinergia e una collaborazione a tutti i livelli tra i vari Festival, appellandoci anche ad una maggiore disponibilità della stampa per dare la giusta copertura alle diverse manifestazioni del territorio” – afferma Chiara Valenti Omero, presidente AFIC – “Ci stiamo impegnando a creare un nuovo calendario condiviso ma la situazione è inedita e ha bisogno di misure, anche economiche, speciali. Ci preoccupa molto e mai come ora la tempistica per l’uscita del bando 2020, che necessariamente dovrà contenere delle aggiunte e modifiche rispetto ai parametri qualitativi e quantitativi di solito adottati in sede di assegnazione dei contributi.  Augurandoci un intervento tempestivo da parte delle istituzioni, esprimiamo la massima solidarietà con quanti stanno in queste ore fronteggiando le molte difficoltà provocate dal COVID-19.”

Scroll To Top