Bianco, esce il 19 gennaio “Quattro”

Esce venerdì 19 gennaio per INRI “Quattro” il nuovo disco del cantautore torinese Bianco.

Il cantautore Bianco non è nuovo alle scene , uno stand by alla sua arte da solista per due anni, ventiquattro mesi in cui ha vestito i panni del musicista della band che ha accompagnato Niccolò Fabi prima nella turnèè di “Ecco” e successivamente in giro per l’Italia durante il tour “Diventi inventi”, durante il quale il padrone della festa ha lasciato sempre un piccolo spazio al nostro cantautore per proporre un suo brano.
Quattro viene anticipato come un disco che parla di amicizia a trecentosessantagradi, tra uomo e uomo, donna e donna, uomo e donna, madre e figlio, e donna e animale. Parla di mestieri e di cambiamenti, di fabbriche negli anni ’90, di canne e di imbarchi. Non mancano quindi gli spunti sociali in questo lavoro.  Un sound  che si poggia su testi – cerchiamo di intuire – impegnati, in cui spicca il primo scanzonato singolo, una mosca bianca del disco, “Felice” accompagnato da un  lyric video costruito su spot finlandesi anni ottanta.  Un fiore all’occhiello è la presenza di Bianco nella grande famiglia di INRI, non solo come artista o musicista ma anche come produttore. Fortemente voluto da Levante come produttore artistico del suo primo album, Bianco è un eclettico artista, bassista, arrangiatore e firma dei suoi stessi testi. Un uomo vissuto da sempre nella periferia torinese negli anni della fiorente industria automobilistica e dei club in cui hanno preso avvio carriere gruppi  come Subsonica e Linea 77, con un taccuino sempre in tasca e la voglia di vivere di musica sempre impressa a fuoco sul cuore.
E l’estate 2017 finalmente questo taccuino è uscito dalla tasca per dare forma e testo a delle storie, quelle che completeranno l’album che tra poco arriverà su tutti gli scaffali  dei negozi di dischi, “Quattro”.

All’uscita del disco seguirà un tour, curato da Inri e Ronzinante, che prende il via il 15 febbraio al Locomotive di Bologna, continua il 17 al Soul Kitchen di Sulmona, il 23 febbraio allo Smav di Caserta, 24 allo SMAV di Roma, il 28 alla Salumeria della Musica di Milano, il 3 marzo all’Hiroshima Mon Amour di Torino e la chiusura è affidata alla Latteria Molloy di Brescia il 10 marzo.

Scroll To Top