Big River Man: Verrà presentato al 13° CINEMAMBIENTE

Più eccentrico di “Grizzly Man”, fisicamente più impegnativo di “Supersize Me” e più umano di “Una Scomoda Verità”, “Big River Man” è un documentario che unisce risate ad alta voce a un serio messaggio per il mondo.

Da segnalare tra gli eventi più attesi di questa tredicesima edizione del festival CinemAmbiente, l’anteprima italiana del documentario vincitore del premio per la Miglior Fotografia al Sundance Film Festival 2009.

Il film di John Maringouin racconta le eroiche gesta di Martin Strel, 53enne sloveno che ha attraversato a nuoto il Rio delle Amazzoni. Dopo aver vinto svariati record mondiali, percorrendo a nuoto il Danubio, il Mississipi e il fiume Yangtze, Martin Strel ha voluto documentare questa sua nuova incredibile avventura. Un’avventura durata 66 giorni e 22.000 miglia tra le acque più pericolose al mondo, attraverso le quali l’Uomo Pesce ha dovuto affrontare numerose insidie tra cui coccodrilli e piranha, e fronteggiare gravi problemi di salute. L’eccentrico viaggio di Martin e del suo team si trasforma presto in una vera e propria discesa agli inferi, da cui emerge un quadro agghiacciante sulla condizione dell’ambiente.

Il bizzarro protagonista, riconosciuto in Slovenia come una vera e propria star, sarà presente al festival per raccontare la sua lotta per un mondo più pulito.

Scroll To Top