Blurred Line è un plagio ai danni di Marvin Gaye, multati Pharrell Williams e Robin Thicke

La corte ha deciso: “Blurred Lines”, il singolo “tormentone”  di Robin Thicke, Pharrel Williams e T.I. è ufficialmente un plagio ai danni di Marvin Gaye.

Ve la ricordate “Blurred Lines”? Quella canzone che nel 2013 è stata onnipresente nelle radio di tutto il mondo, dalla ritmica e melodia accattivante, piena di ammiccanti versetti e falsetti? Quella con due versioni su youtube, una con la censura l’altra non censurata dove belle modelle si atteggiavano completamente nude di fronte ai tre maschi in eleganti smoking ?

Il brano in questione che ha incassato oltre 5 milioni di dollari, scritto e composto da Pharrel Williams in meno di un’ora, è, secondo la corte di Los Angeles, un plagio del brano “Got To Give It Up” scritta da Marvin Gaye nel 1977.

Thicke e colleghi sono stati condannati a 7,3 milioni di dollari di risarcimento che andranno alla famiglia Gaye.

La decisione è stata presa dagli otto giurati dopo aver ascoltato con attenzione,nel corso delle varie udienze, sia brano che le varie testimonianze. Thicke ha difeso la sua posizione a denti stretti affermando che richiami stilistici e melodici a sonorità classic rock non sempre costituirebbero un plagio. Il cantante californiano si sarebbe anche prestato all’esecuzione di un lungo medley contenente una variegata quantità di brani diversi a dimostrare che la somiglianza è un elemento spesso molto presente.

La giuria ha dato torto alla versione della difesa affermando che non si tratta più di una semplice somiglianza bensì di un’”appropriazione abusiva” dell’opera del cantante soul.
Secondo il legale di Thicke e soci, il verdetto è frutto di una “decisione sbagliata” che porterà come conseguenza diretta l’impossibilità degli artisti a “rendere omaggio a un genere, uno stile o un groove”.

Al termine del processo Thicke, Williams e T.I hanno rilasciato un breve comunicato stampa: “rispettiamo il procedimento in aula, ma siamo estremamente delusi dal verdetto di oggi, che crea un orribile precedente per il mondo della musica e della creatività. “Blurred lines” è stata creata dai cuori e dalle menti di Pharrell, Robin e T.I. e non rubata a qualcun altro o da qualche altro posto. Stiamo valutando il verdetto e prendendo in considerazione le nostre future mosse: avrete presto nostre notizie a riguardo di questa faccenda”.

Le riprese ritmiche e melodiche che in “Blurred Lines” richiamano a “Got To Give It Up” sono numerose; certamente, la creatività dei tre musicisti non sarà messa in dubbio da quest’unica condanna di plagio; però, quando il proprio intento è quello di omaggiare uno stile, un groove o un artista in particolare, sarebbe buon senso specificarlo così da rendere evidente l’omaggio ed evitare becere contraffazioni.

 

Qui il brano di Marvin Gaye

 

Scroll To Top