Bombay Bicycle Club : Nuovo disco, nuovo singolo “Carry Me”

I Bombay Bicycle Club, la band più prolifica e sottovalutata di North London, hanno presentato i dettagli del loro quarto album in cinque anni che uscirà il 4 febbraio su Island Records. In questo album la band, che riesce sempre a diversificarsi e ad innovarsi senza sforzo, sembra esplorare nuovi territori.

‘Sento che siamo riusciti a trovare il giusto equilibrio tra ciò che rende un album interessante e intelligente, ma anche non intellettuale o elitario’, dice Jack Steadman, facendo notare che la band ha specificamente richiesto più tempo per la realizzazione dell’album. Jack ha scritto l’album mentre viaggiava attraverso l’India, la Turchia, il Giappone, il Regno Unito e i Paesi Bassi; è evidente l’influenza di tutte le diverse culture e dei loro generi autoctoni tra i bellissimi brani del disco.

L’ album è stato prodotto da Jack nello studio della band a Londra, ed è il loro disco più personale fino ad oggi. Mark Rankin (al top della forma avendo recentemente mixato l’album dei QOTSA ‘…Like Clockwork’ e quello di Aluna George ‘Body Music’) è stato chiamato per la registrazione e il mixaggio. L’album contiene anche un contributo vocale di Lucy Rose e dell’impressionante esordiente Rae Morris.

Un’istantanea sulla storia di Bombay Bicycle Club rivela che il gruppo è diventato una tra le giovani band Inglesi più famose della loro generazione. Hanno pubblicato il loro primo album ‘I Had The Blues Ma io Shook Them Loose’ nel 2008, e poco dopo hanno vinto l’NME New Band Award battendo The XX e Mumford & Sons. A metà del 2010 è uscito ‘Flaws’, nominato agli Ivor Novello Award. L’album più recente, ‘A Different Kind Of Fix’, è uscito ad agosto 2011 e, come i suoi predecessori, è diventato disco d’oro, ha visto la fanbase del gruppo aumentare in modo esponenziale, e li ha fatti arrivare sui palchi principali di diversi festival tra i quali il Reading e il Leeds Festival, e uno show da headliner sold out all’Alexandra Palace.

Il primo singolo dal nuovo album, ‘Carry Me’, è disponibile per il download dal 5 Novembre e la band ha collaborato con la pluripremiata azienda creativa Powster per realizzare il primo video musicale interattivo visibile in anteprima su www.carryme.tv. Il video rende omaggio al grande Eadweard Muybridge, noto per il suo lavoro pionieristico di fotografia in movimento; ciò richiama il tema della ‘continuità’ intorno al quale è basato anche l’album – in sostanza si tratta di una serie di bellissime melodie costruite intorno a loop intelligenti, il tutto all’interno di un loop gigante. Gli spettatori sono in grado di controllare le azioni della band, diventando così registi mentre la band si esibisce a ritmo di musica

Cosa significa tutto questo? “Credo che per quanto riguarda l’album, ci sia in esso un lato romantico,” dice Jack. “C’è un rapporto che sembra sempre come se fosse al capolinea, ma che prevale comunque”. Una metafora sulla la band? “Spero di no!” dice Jamie. “Credo che si leghi alla nostra mancanza di cinismo. Più che in qualsiasi altro nostro album, c’è una sensazione di speranza”.

Fonte: Comunicato stampa

Scroll To Top