Boy George: Dalle manette del letto, alle manette del carcere

Ieri, il Tribunale di Londra ha dichiarato colpevole di sequesto di persona Boy George, per aver ammanettato e lasciato nudo sul letto un ragazzo gay, dopo una sessione di foto nude.

Il cantante, ormai quarantaseienne, responsabile – secondo la corte – anche di percosse effettuate mediante una catena, si sarebbe giustificato dicendo che avrebbe serrato le manette ai polsi del giovane al solo fine di controllare se questi avesse rubato alcune fotografie dal suo computer…

L’ex Culture Club non è nuovo alle condanne giudiziali.

Scroll To Top