Cannes 2014: I film della Quinzaine des Réalisateurs

Dopo la selezione ufficiale e la Semaine de la Critique, ecco anche il programma completo della Quinzaine des Réalisateurs, la sezione autonoma, parallela e non competitiva del Festival di Cannes (14 – 25 maggio) curata dalla Société des réalisateurs de films, associazione di autori cinematografici nata nel 1968.

Ecco i titoli:

Film di apertura
“Bande de fille” (“Girlhood”) di Céline Sciamma

Lungometraggi
“Alleluia” di Fabrice du Welz
“At Li Layla” (“Next to Her”)di Asaf Korman
“Catch Me Daddy” di Daniel Wolfe
“Cold in July” di Jim Mickle
“Les combattants” (“Fighters”) di Thomas Cailley
“Gett – Le procès de Viviane Amsalem” di Ronit & Shlomi Elkabetz
“Kaguya-hime no monogatari” (“Le conte de la Princesse Kaguya”) di Isao Takahata
“Mange tes morts” (“Eat Your Bones”) di Jean-Charles Hue
“Moo-deom-kka-ji gan-da” (“A Hard Day”) di Seong-Hun Kim
“National Gallery” di Frederick Wiseman
“Queen and Country” di John Boorman
“Refugiado” di Diego Lerman
“The Texas Chain Saw Massacre” di Tobe Hooper
“These Final Hours” di Zach Hilditch
“Tu dors Nicole” di Stéphane Lafleur
“Whiplash” di Damien Chazelle

Film di chiusura
“Pride” di Matthew Warchus

Proiezione speciale
“P’tit Quinquin” di Bruno Dumont

Cortometraggi
“8 balles” di Frank Ternier
“A caça revoluçoes” di Margarida Rego
“Cambodia 2099″ di Davy Chou
“En août” di Jenna Hasse
“Fragmenty” (“Fragments”) di Aga Woszczynska
“Guy Moquet” di Demis Herenger
“Jutra” di Marie-Josée Saint-Pierre
“Man on the Chair” di Dahee Jeong
“Sem coraçao” di Nara Normande & Tiao Tiao
“Torn” di Elmar Imanov & Engin Kundag
“Trece si prin perete” (“It Can Pass Through the Wall”) di Radu JudeFonte: Quinzaine des Réalisateurs

Scroll To Top