Cannes 2014: Il programma completo, tutti i film in concorso

Il programma completo della 67esima edizione del Festival di Cannes (14 – 25 maggio) è stato annunciato questa mattina in conferenza stampa a Parigi dal presidente Gilles Jacob e dal direttore artistico Thierry Frémaux.

Compongono la selezione ufficiale quarantanove lungometraggi («di cui quindici diretti da donne», ci tiene a sottolineare Frémaux) provenienti da ventotto paesi.

Quest’anno LoudVision sarà per la prima volta sulla Croisette: seguiteci anche sulla nostra pagina facebook e sul nostro account twitter.

Ed ecco tutti i titoli annunciati e commentati poco fa da Thierry Frémaux: spiccano l’atteso “Maps to the Stars” di David Cronenberg, Jean-Luc Godard con “Adieu au langage”, il nuovo film del venticinquenne canadese Xavier Dolan (a Venezia abbiamo visto il suo notevole “Tom à la ferme“), e poi Ken Loach, Mike Leigh, Alice Rohrwacher (nel 2011 era alla Quinzaine des Réalisateurs con il bell’esordio “Corpo celeste”), Wim Wenders, Sergei Loznitsa, Olivier Assayas, il film corale “Les ponts de Sarajevo” e il «western belga» (parole di Frémaux) “Deux jours, une nuit” dei Dardenne.

Concorso (qui il nostro approfondimento)
“Sils Maria” by Olivier Assayas
“Saint Laurent” di Bertrand Bonello
“Kis uykusu” (“Sommeil d’hiver”) di Nuri Bilge Ceylan
“Maps to the Stars” di David Cronenberg
“Deux jours, une nuit” di Jean-Pierre e Luc Dardenne
“Mommy” di Xavier Dolan
“Captives” di Atom Egoyan
“Adieu au langage” di Jean-Luc Godard
“The Search” di Michel Hazanavicius
“The Homesman” di Tommy Lee Jones
“Futatsume no mado” (“Deux fenêtres”) di Naomi Kawase
“Mr Turner” di Mike Leigh
“Jimmy’s Hall” di Ken Loach
“Foxcatcher” di Bennett Miller
“Le meraviglie” di Alice Rohrwacher
“Timbuktu” di Abderrahmane Sissako
“Relatos salvajes” (“Wild tales”) di Damian Szifron
“Leviathan” di Andrey Zvyagintsev

Fuori Concorso
“Grace of Monaco” di Olivier Dahan (film di apertura)
“Gui lai” (“Coming Home”) di Zhang Yimou
“How to Train Your Dragon 2″ di Dean Deblois
“Les gens du monde” di Yves Jeuland

Un Certain Regard
“Party Girl” di Marie Amachoukeli, Claire Burger, Samuel Theis (film di apertura)
“Jauja” di Lisandro Alonso
“La chambre bleue” di Mathieu Amalric
“Incompresa” di Asia Argento
“Titli” di Kanu Behl
“Eleanor Rigby” di Ned Benson
“Bird People” di Pascale Ferran
“Lost River” di Ryan Gosling
“Amour fou” di Jessica Hausner
“Charlie’s Country” di Rolf de Heer
“Snow in Paradise” di Andrew Hulme
“Dohee-ya” di July Jung
“Xenia” di Panos Koutras
“Run” di Philippe Lacôte
“Turist” di Ruben Östlund
“Hermosa juventud” di Jaime Rosales
“The Salt of the Earth” di Wim Wenders e Juliano Ribeiro Salgado
“Fantasia” di Wang Chao
“Harcheck mi headro” di Keren Yedaya

Film di mezzanotte
“The Rover” di David Michod
“The Salvation” di Kristian Levring
“Pyo Jeok” di Chang

Proiezioni speciali
“Eau argentée” di Mohammed Ossama
“Maidan” di Sergei Loznitsa
“Red Army” di Polsky Gabe
“Caricaturistes – Fantassins de la démocratie” di Stephanie Valloatto
“Les ponts de Sarajevo” di Aida Begic, Leonardo Di Costanzo, Jean-Luc Godard, Kamen Kalev, Isild Le Besco, Sergei Loznitsa, Vincenzo Marra, Ursula Meier, Vladimir Perisic, Cristi Puiu, Marc Recha, Angela Schanelec, Teresa Villaverde

Scroll To Top