Carlo Verdone: Non sono ipocondriaco!

Tutti i suoi personaggi sono celebri e gli calzano a pennello, ma c’è un ruolo che a Carlo Verdone riesce particolarmente bene: quello dell’ipocondriaco.

Chi non ricorda la scena con Margherita Buy in “Maledetto Il Giorno Che Ti Ho Incontrato”?

E alla domanda su quanto sia veritiera la sua ossessione per le malattie, l’attore e regista romano risponde: “Io sto al gioco, ci rido pure sopra nei film. Ma la mia non è ipocondria. È passione. Non fissazione. Io studio la sera: leggo libri, mi documento su Internet, ascolto specialisti. Da bambino ero affascinato dalle diagnosi del nostro dottore, un signore napoletano, Gerardo D’Agostino: ci prendeva sempre”.

E si legge, nelle sue parole, un pizzico di somiglianza col suo personaggio, specie quando aggiunge “Non per vantarmi, ma sarei stato un grande medico di famiglia. Lo sa che almeno cinque persone mi devono la vita? Le ho mandate da medici seri a calci nel sedere, intuendo che stavamo male sul serio e non c’era tempo da perdere”.

Caro Carlo, ti ringrazieranno tutti per l’attenzione dedicata… ma forse un po’ ipocondriaco lo sei!

Scroll To Top