Cato: Questo mese esce l’esordio

Sarà disponibile da luglio il primo disco solista di Roberto Cato Picinali, polistrumentista molto attivo in diversi progetti della scena musicale bergamasca. L’esordio di Cato contiene otto brani in bilico fra pop-rock, blues e funk-soul, canzoni che non hanno la pretesa di annunciare chissà quale grande verità ma vogliono essere dirette, semplici e straordinariamente vere.

I brani raccontano di amori e sogni, rivendicano l’esistenza libera e diversa del loro autore e vivono loro stessi di una forza che conquista subito e senza troppi ragionamenti. A “Cato” hanno dato il loro apporto quindici diversi musicisti che in questi anni hanno affiancato Roberto Picinali nelle sue varie peregrinazioni musicali. E’ così che le tracce scorrono piacevoli e contagiose grazie all’ottima indole melodica di chi le ha scritte e al suono irrobustito delle chitarre, che traccia dopo traccia incontrano blues trascinanti, pianoforti rotondi, fiati di matrice funk-soul, cori e flauti.

“Cato” è il disco ideale per una lungo viaggio in auto lontano da casa. E difatti proprio i viaggi (l’immagine di copertina è la manipolazione di una foto scattata in Lesotho) e le automobili sono le due grandi passioni di Cato oltre la musica, lui che nella vita si occupa del recupero di vecchie Fiat 500 e altre auto d’epoca. Del resto Cato è così: una persona piene di sorprese, che come nome d’arte sceglie quello dello sconclusionato aiutante dell’ispettore Closeau nella Pantera Rosa. Per una sorta di dichiarazione programmatica di libera follia creativa.

Al seguente link potete ascoltare per intero il disco: https://soundcloud.com/cato-6/sets/cato

Scroll To Top