Cinema italiano: 24 film sotto i 700 mila euro d’incasso

Sono ventiquattro i film italiani (dati Cinetel), tra opere di fiction e documentari ancora programmati in sala, che non hanno raggiunto al 2 aprile almeno 700 mila euro d’incasso:

La mossa del pinguino” di Claudio Amendola (692.572 euro); “‘Zoran, il nipote scemo” di Matteo Oleotto (663.942 euro); “La prima neve” di Andrea Segre (596.991 euro); “Maldamore” di Angelo Longoni (538.949 euro); “Noi 4” di Francesco Bruni (373.442 euro); “Anita B” di Roberto Faenza (315.273 euro); “Quando c’era Berlinguer” Walter Veltroni (295.830 euro); “L’arte della felicita” di Alessandro Rak (218.454 euro); “Cuccioli il paese del vento” di Sergio Manfio (167.854 euro); “Il terzo tempo“di Enrico Maria Artale (135.710 euro); “E fu sera una mattina” di Emanuele Caruso (117.114 euro); ”La mia classe” di Daniele Gaglianone (84.314 euro);

In grazia di Dio” di Edoardo Winspeare (78.503 euro); “Spaghetti Story” di Ciro De Caro (61.477 euro); “La luna su Torino” di Davide Ferrario (46.260 euro); “Felice chi è diverso” di Gianni Amelio (34.215 euro); “Tir” di Alberto Fasulo (29.911 euro); “Amori elementari” di Sergio Basso (22.204 euro); “The Special Need‘” di Carlo Zoratti (7.795 euro); “12 12 12” di Massimo Morini (5.668 euro); “Fuoristrada” di Elisa Amoruso (4.996 euro); “Registe” di Diana Dell’Erba (2.493 euro); “Lo stato della follia” di Francesco Cordio (1.232 euro); “Le formiche della città morta” di Simone Bartolini (1.032 euro).Fonte: ASCA

Scroll To Top