Copyright: Pirati a Strasburgo

Combattere il nemico là dove lui tesse le sue strategie: quale arma migliore di questa?

È con grande piacere che vi annunciamo che il partito dei pirati svedesi, che, a discapito del nome e nonostante si batta per la libertà di contenuti su internet nulla ha a che fare con il sito The Pirate Bay, è uscito vincitore dalle elezioni europee tenutesi lo scorso week-end: una delle sedie del parlamento di Strasburgo è lì ad aspettare il capolista Christian Engstrom.

God save the Pirats!

STOCCOLMA – Il Partito Pirata svedese, che si batte per la libertà dei contenuti su Internet, ha ottenuto un seggio al Parlamento europeo, secondo i risultati provvisori.

Il partito ha raccolto il 7,1%, un risultato definito “fantastico” dal capolista Christian Engstrom.

La condanna al carcere, decisa dai giudici a metà aprile, di tre fondatori del sito di scambio di file “The Pirate Bay” ha ampiamente contribuito a fare uscire la formazione, anche se il sito web e il partito hanno in comune soltanto il nome.

Fondato nel 2006, il Partito Pirata, che chiede la riforma del diritto d’autore, l’abolizione del sistema dei brevetti e anche la diminuzione dei controlli sul web, aveva ottenuto soltanto lo 0,6% alle elezioni politiche del gennaio scorso.

Il suo leader, Rick Falkvinge, è convinto che la nuova legislazione svedese che autorizza per esempio i titolari dei diritti d’autore a tracciare gli indirizzi IP dei presunti responsabili del download illegale, spieghi l’improvvisa popolarità del suo partito.

La Svezia elegge 18 deputati all’Europarlamento.

Fonte: Reuters

URL Fonte: http://it.reuters.com/article/internetNews/idITMIE55702Q20090608

Scroll To Top