Crisi economica: Il cinema non piange, parola di Ferrari

Se la crisi economica dell’ultimo periodo fa perdere il sorriso a molti, uno che resta positivo c’è: il direttore dell’Anica Paolo Ferrari si dice non preoccupato per la crisi mondiale. Non preoccupato, almeno non sull’influenza che avrà sul settore cinematografico.

Secondo Ferrari se le dita devono incrociarsi dev’essere per le agitazioni sindacali ad Hollywood, che si rivelerebbe un serio problema per la produzione.

“‘Mi sembra che in questi due ultimi anni le sale abbiano retto bene il rapporto con il pubblico. Anzi, con i film di Natale potremmo anche chiudere l’anno molto vicini al pareggio con il 2007″, dice il presidente dell’Anica.

Insomma, pare proprio sia così: il cinema non piange.Fonte: Ansa

Scroll To Top