David Bowie, veglia funebre da Brixton a Los Angeles per ultimo saluto al “Duca Bianco”

Una serata davvero intensa quella che i fan di tutto il mondo hanno dedicato ieri a David Bowie per porgere il loro omaggio più grande. Infatti, nelle città “chiave” della vita dell’artista scomparso domenica all’età di 69 anni, si sono raccolti in molti per ricordare insieme  i più grandi successi del Duca Bianco o per offrire la propria dedica personale come ultimo saluto. A Brixton, il quartiere a sud di Londra che ha dato i natali alla rockstar, per esempio sono stati intonati brani storici come “Space Oddity”, “Let’s Dance” e “Starman”, in una veglia contornata di dipinti raffiguranti il personaggio Aladin Sane (il famoso Bowie da volto dipinto con il lampo rosso), mazzi di fiori, foto, candele e  vari messaggi di cordoglio.

Ma non solo Brixton: anche Los Angeles (madre degli eccessi di ogni rockstar) ha reso il suo omaggio più grande alla leggenda del rock presso la Walk of Fame di Hollywood, mentre a New York (dove Bowie viveva da anni e dove si è spento l’altro ieri) i fan si sono ritrovati sotto la sua casa a Soho. A Berlino, città chiave dove il Duca Bianco segnò la sua rinascita personale e artistica a metà anni 70, gli Hansa Studios (dove furono registrati ben tre dischi e successi come “Heroes”) hanno annunciato una cerimonia di commemorazione per venerdì 15 gennaio, forse con una festa pubblica e musica dal vivo.

Scroll To Top