Delorean: Le dichiarazioni sul rapimento a Mexico City

“Lunedì 7 ottobre abbiamo ricevuto una telefonata nella nostra stanza di albergo a Mexico City da una persona che diceva di far parte dell’ufficio di sicurezza dell’hotel. Siamo stati informati del fatto che era in corso una minaccia alla sicurezza dell’albergo, appunto.
Quel che è successo nelle successive 30 ore è stata un’esperienza dove il brivido della morte era reale, dovuto alla manipolazione psicologica inflitta a noi dai nostri rapitori. Grazie al fantastico lavoro della Polizia Nazionale in Spagna, Ertzantza, Interpol e la Polizia Federale in Messico, finalmente e con successo siamo stati salvati ieri mattina.

Mentre sarebbe conveniente addossare la colpa al Messico, non sarebbe giusto fare così. Questa faccenda sarebbe potuta accadere da qualsiasi altra parte del mondo. La nostra speranza è che questa situazione porti attenzione all’abuso di cui siamo stati vittime da parte dei nostri rapitori, così che gli altri viaggiatori non divengano prede in futuro.

Questo è stato estremamente difficile per noi e le nostre famiglie. A quest’ora non abbiamo altri commenti da fare e chiediamo di rispettare la nostra privacy, così che possiamo tornare alla normalità delle nostre vite.”

Fonte: Comunicato stampa

Scroll To Top