Director’s Guild Awards: i registi si premiano

Sono state rese note le nomination dei Directors Guild Awards, riconoscimento che i registi danno ai loro colleghi che si sono distinti nel corso dell’anno con le loro opere.
Questa è la cinquina vincente:

DARREN ARONOFSKY per “Black Swan”
DAVID FINCHER per “The Social Network”
TOM HOOPER per “The King’s Speech”
CHRISTOPHER NOLAN per “Inception”
DAVID O. RUSSELL per “The Fighter”

In realtà poche sorprese se non per l’esclusione dei fratelli Coen e il loro “True Grit” (remake de “Il Grinta”) e per l’insterimento di David O. Russell regista dell’apprezzatissimo “The Fighter”

Il premio giunto alla sua 75a edizione e presieduto da Taylor Hackford, non ha quasi mai sbagliato il nome del regista vincitore del successivo premio Oscar. Nel sito del DGA infatti sono elencati le uniche 6 eccezioni in 75 anni di onoroato servizio:

-1968: Anthony Harvey vincitore del DGA per “Il Leone In Inverno” agli oscar perse contro Carol Reed (regista di “Oliver!”)
-1972: Francis Ford Coppola venne sconfitto da Bob Fosse e il suo “Cabaret”.
-1985: Steven Spielberg dopo aver finto il suo primo DGA per “Il Colore Viola” si vide soffiare la statuetta da Sydney Pollack regista di “La Mia Africa”.
-1995: Ron Howard (regista di “Apollo 13″) vincitore al DGA perse contro Mel Gibson per “Braveheart”.
-2000: Ang Lee vinse il DGA “La Tigre E Il Dragone” ma Steven Soderbergh vinse l’Oscar per “Traffic”.
-2002: Rob Marshall won the DGA Award for Chicago while Roman Polanski received the Academy Award for The Pianist.

Non ci resta che aspettare al 29 Gennaio quando il vincitore verrà annunciato per sapere se anche questa volta il premio dei registi avrà azzeccato il nome giusto.Fonte: Sito Ufficiale Directors Guild Awards

URL Fonte: http://dga.org/news/pr_expand.php3?687

Scroll To Top