Dissing all’italiana: Fedez contro Marracash e Guè Pequeno

A seguito di una video intervista rilasciata dalla coppia Marracash – Guè Pequeno con tanto di critiche verso i “Comunisti Col Rolex” Fedez e J-Ax, è scoppiata sui social una vera e propria rissa condita di insulti e commenti offensivi a colpi di video e hashtag. “Non sono rapportabili a noi – avrebbe lanciato Marra – basta guardare alle rime e agli artisti con cui collaborano per capire che sono una forma di pop, ma non scomoderei nemmeno nomi come Baglioni e Battisti, che si maschera da rap. Fedez è una macchina da guerra del business, glielo riconosco, ma il mio fare musica ha altri obiettivi”. E aggiunge Guè: “Non è un delitto fare soldi, ma io lo dico chiaramente. Non voglio essere un politico, un attivista sociale o altro. Se invece hai la psicosi che ti fa vivere per il clic, sui social finisci col dire tutto e il contrario di tutto, preghi per Aleppo, preghi per i terremotati quando in realtà preghi per i soldi”.

La risposta, apparsa su Instagram Stories, non si è fatta attendere da parte di Fedez che, con tanto di dito medio alzato, replica: “Dev’essere frustrante fare le interviste ed essere costretti a pronunciare sempre il nostro nome perché altrimenti non vi cagano di pezza. E poi tipo ieri: ti vedo dal vivo e ti dico che sei un coglione faccia a faccia e abbassi lo sguardo, eh? Giusto per ribadire: il nostro tour ha già venuto 100mila biglietti, non è ancora il disco, la terza data del Forum è praticamente sold out e apriremo una quarta. Fa male, vero?”.

Da qui in poi hanno continuato a succedersi insulti gratuiti da entrambe le sponde, in una tutt’ora insoluta battaglia a “chi ce l’ha più grosso” nel mondo del rap e hip hop italiano.

Scroll To Top