E’ morto Chris Squire, bassista e anima degli Yes

Prima l’annuncio di ritiro dalle scene avvenuto lo scorso 20 Maggio; poi l’aggravarsi della malattia, la Malattia di Di Guglielmo (una forma di leucemia molto rara) e la morte avvenuta il 28 giugno. Se ne è andato così, all’età di 67 anni,  Chris Squire, anima e sostanza degli Yes, unico membro ad aver attraversato oltre quarant’anni di carriera nello storico gruppo inglese, comparendo in ognuno degli album in studio prodotti dalla band.

La conferma della morte di Squire è arrivata dal collega e amico Geoffrey Downes con un post su Twitter -

Sono assolutamente devastato e non ho altre parole per riferire la triste notizia della scomparsa del mio caro amico, compagno di band e di ispirazione Chris Squire

Nato nel 1948 a Kingsbury, nel nordovest di Londra, Squire comprò il suo primo basso nel 1965, e già nel 1968 fonda gli Yes assieme a Jon Anderson, Bill Bruford e Tony Kaye. Il primo album uscì nel 1969 e la band inglese divenne ben presto una delle più influenti formazioni della storia del rock progressivo.

Per la prima volta dalla loro fondazione gli Yes suoneranno senza Chris Squire nel concerto che si terrà il prossimo 7 Agosto al Foxwoods Resort Casino di Mashantucket, in Connecticut.

Il mondo della musica tutto sta riversando la propria commozione tramite i social; moltissimi post apparsi nelle ultime ore nel segno del ricordo di Squire. Così la PFM su Twitter -

PFM saluta il grande Chris Squire.

Ciao Chris grazie per la splendida musica che hai scritto e che ci hai lasciato.
Ricordiamo il nostro esordio a Milano, quando abbiamo aperto il vostro concerto. Ci siamo incontrati ancora, su altri palchi, fino allo scorso anno a Cruise to the Edge.
Ci mancherà la grinta del tuo basso.
Buon viaggio Chris

Scroll To Top