È morto Omar Sharif, indimenticabile Dottor Živago

Omar Sharif, l’indimenticabile interprete di “Lawrence d’Arabia” e “Il Dottor Živago“, è morto oggi all’ospedale del Cairo a causa di un arresto cardiaco, all’età di 83 anni. La notizia è stata data dal suo agente Steve Kenis. L’attore era da tempo malato di Alzheimer, ma la sua condizione è stata resa nota solo nel maggio scorso.

Nato ad Alessandria d’Egitto nel 1932, Sharif si laureò in matematica e fisica all’università del Cairo, per poi cominciare la sua carriera d’attore nel 1953, con un ruolo nel film egiziano “Ṣirāʿ fī l-wādī” di Yusuf Shahin.

Nel 1962 arrivò la prima parte in un film inglese, “Lawrence d’Arabia” di David Lean, per il quale ricevette una nomination agli Oscar come miglior attore non protagonista. Tre anni dopo, nel 1965, partecipò ad un altro film di David Lean, interpretando Yuri Živago nell’adattamento cinematorgrafico de “Il dottor Živago” di Boris Leonidovič Pasternak, vincendo un Golden Globe.

Nel 1968 lavorò al fianco di Barbra Streisand in “Funny Girl”, con la quale fu legato sentimentalmente per qualche tempo.

Nella sua carriera interpretò molti ruoli diversi, tra cui Rodolfo d’Austria in “Mayerling” con Catherine Deneuve, il bandito messicano Colorado nel western americano “L’oro di Mackenna” e il Ernesto “Che” Guevara in “Che!” Richard Fleischer.

Nel 2003 vinse il premio del pubblico per il miglior attore alla 60ª Mostra del Cinema di Venezia per la sua interpretazione nel film “Monsieur Ibrahim e i fiori del Corano” di François Dupeyron, ricevendo il Leone d’Oro alla carriera nello stesso anno.

 

Scroll To Top