European Film Awards 2015 – Tutte le nomination

Sono state annunciate durante il Festival del Cinema Europeo di Siviglia le nomination per gli EFA Awards, i premi annuali della European Film Academy, che quest’anno si terranno a Berlino il 12 dicembre prossimo.

I rappresentanti italiani sono “Youth – La giovinezza” di Paolo Sorrentino (con il record di 5 nomination) e “Mia madre” di Nanni Moretti (con 2 nomination). Stupisce l’assenza del kolossal in costume di Matteo Garrone “Il racconto dei racconti”, che con i due film italiani suddetti fu presentato allo scorso Festival di Cannes. Italiano è anche uno dei candidati per il miglior documentario: “Dancing with Maria” di Ivan Gergolet, sulla danzaterapia per disabili dell’argentina Maria Fux.

Fra i più nominati, con 4 nomination ciascuno, troviamo “The Lobster”, primo film in lingua inglese del greco Yorgos Lanthimos e il vincitore del Leone d’oro alla 71a Mostra del Cinema di Venezia “Un piccione seduto sul ramo riflette sull’esistenza” dello svedese Roy Andersson.

Ricapitoliamo i premi tecnici, i cui vincitori sono stati già resi noti la settimana scorsa:

Premio Carlo De Palma per la miglior fotografia

  • Martin Gschlacht per “Goodnight Mommy” (“Ich seh, ich seh”, Austria);

Miglior montaggio

  • Jacek Drosio per “Body” (“Body/Ciało”, Polonia);

Miglior scenografia

  • Sylvie Olivé per “Dio esiste e vive a Bruxelles” (“Le tout nouveau testament”, Belgio/Francia/Lussemburgo);

Migliori costumi

  • Sarah Blenkinsop per “The Lobster” (Irlanda/Grecia/Francia/Paesi Bassi);

Miglior colonna sonora

  • Cat’s Eye per “The Duke of Burgundy” (UK/Ungheria);

Miglior sound design

  • Miguel Martins e Vasco Pimentel per “Arabian Nights – Vol. I-III” (“As mil e uma noites – Vol. I-III”, Portogallo);

Premio alla carriera

  • Charlotte Rampling

Premio per l’eccellenza europea nel mondo

  • Christoph Waltz

Queste, invece, le nomination per i premi principali:

European Film (miglior film)

  • Un piccione seduto sul ramo riflette sull’esistenza”, di Roy Andersson (“En duva satt på en gren och funderade på tillvaron”, Svezia/Francia/Germania/Norvegia)
  • Mustang”, di Deniz Gamze Ergüven (Francia/Germania/Turchia)
  • Rams – Storia di due fratelli e otto pecore”, di Grímur Hákonarson (“Hrútar“, Islanda/Danimarca)
  • The Lobster”, di Yorgos Lanthimos (Irlanda/Grecia/Francia/Paesi Bassi)
  • Victoria”, di Sebastian Schipper (Germania)
  • Youth – La giovinezza”, di Paolo Sorrentino (Italia/Francia/UK/Svizzera)

European Comedy (miglior commedia)

  • Un piccione seduto sul ramo riflette sull’esistenza”, di Roy Andersson
  • La famiglia Bélier”, di Eric Lartigau (Francia)
  • Dio esiste e vive a Bruxelles”, di Jaco Van Dormael

European Director (miglior regia)

  • Roy Andersson, per “Un piccione seduto sul ramo riflette sull’esistenza”
  • Yorgos Lanthimos, per “The Lobster”
  • Nanni Moretti, per “Mia madre” (Italia)
  • Sebastian Schipper, per “Victoria”
  • Paolo Sorrentino, per “Youth – La giovinezza”
  • Małgorzata Szumowska, per “Body”

European Actress (miglior attrice)

  • Margherita Buy in “Mia madre”
  • Laia Costa in “Victoria”
  • Charlotte Rampling in “45 anni” di Andrew Haigh (“45 Years”, UK)
  • Alicia Vikander in “Ex Machina”, di Alex Garland (UK)
  • Rachel Weisz in “Youth – La giovinezza”

European Actor (miglior attore)

  • Michael Caine in “Youth – La giovinezza”
  • Tom Courtenay in “45 anni”
  • Colin Farrell in “The Lobster”
  • Christian Friedel in “13 Minutes”, di Oliver Hirschbiegel (“Elser”, Germania)
  • Vincent Lindon in “La legge del mercato”, di Stéphane Brizé (“La lois du marché”, Francia)

European Screenwriter (miglior sceneggiatore)

  • Roy Andersson, per “Un piccione seduto sul ramo riflette sull’esistenza”
  • Alex Garland, per “Ex Machina”
  • Andrew Haigh, per “45 anni”
  • Radu Jude e Florin Lazarescu, per “Aferim!” di Radu Jude (Romania/Bulgaria/Repubblica Ceca/Francia)
  • Yorgos Lanthimos e Efthimis Filippou, per “The Lobster”
  • Paolo Sorrentino, per “Youth – La giovinezza”

European Discovery – Prix Fipresci (premio opera prima/scoperta)

  • Summers Downstairs”, di Tom Sommerlatte (“Im Sommer wohnt er unten”, Germania/Francia)
  • Goodnight Mommy”, di Severin Fiala e Veronika Franz (“Ich seh, ich seh”, Austria)
  • Slow West”, di John Maclean (UK/Nuova Zelanda)
  • Mustang”, di Deniz Gamze Ergüven
  • Limbo”, di Anna Sofie Hartmann (Danimarca/Germania)

European Documentary (miglior documentario)

  • A Syrian Love Story”, di Sean McAllister (UK)
  • Amy”, di Asif Kapadia (UK)
  • Dancing with Maria”, di Ivan Gergolet (Italia/Argentina/Slovenia)
  • The Look of Silence”, di Joshua Oppenheimer (Danimarca/Norvegia/Indonesia)
  • Toto and His Sisters”, di Alexander Nanau (“Toto si surorile lui”, Romania/Ungheria)

European Animated Feature Film (miglior film d’animazione)

  • Adama”, di Simon Rouby (Francia)
  • Shaun, vita da pecora – Il film”, di Mark Burton e Richard Starzak (“Shaun the Sheep Movie”, UK/Francia)
  • Song of the Sea”, di Tomm Moore (Irlanda)

European Film Academy Short Film

Qui trovate la lista dei quindici cortometraggi selezionati da altrettanti festival del cinema europei.

Scroll To Top