Federico Fellini: I suoi disegni in mostra a Portofino

Federico Fellini cominciò a disegnare da giovanissimo collaborando con riviste e giornali come caricaturista e vignettista e dando vita ad una galleria di immagini, personaggi e temi che torneranno anni dopo nelle sue celebri pellicole.

Per Fellini il disegno fu uno strumento fondamentale sia per fissare intuizioni che sarebbero state il punto di partenza nella realizzazione di progetti futuri sia per analizzare il proprio inconscio e ritornare a vivere le sensazioni del passato. Negli anni Sessanta, infatti, lo psicoanalista junghiano Ernst Bernhard gli consigliò di annotare ogni giorno al risveglio le sue fantasie notturne, sogni e incubi, in un diario. Fellini lo fece per un trentennio dando vita al “Libro Dei Sogni”, pubblicato da Rizzoli nel 2007.

Fino all’11 ottobre una raccolta di «segnacci, appunti affrettati e sgrammaticati», come li definiva il regista, realizzati a partire dagli anni Sessanta sarà esposta a Portofino nella mostra “Federico Fellini. Tra Cinema e Sogno”. Nella cittadina ligure sono presentati disegni, bozzetti e schizzi ad acquerello, inchiostro nero e pennarelli colorati su carta.
Nella mostra, che assume il senso di un tributo al maestro riminese, c’è spazio anche per alcuni oggetti: dalla sua sedia da regista alle locandine dei film.

Per maggiori informazioni: www.castellobrown.comFonte: Libero-news.it

Scroll To Top