Festival del Film di Locarno: Pardo d’onore Swisscom a Werner Herzog

Sarà Werner Herzog a ricevere il Pardo d’onore Swisscom del 66esimo Festival Internazionale del Film Locarno (7-17 agosto).

«Sono felice — dichiara il direttore del Festival Carlo Chatrian — di poter accogliere a Locarno un regista che così bene incarna lo spirito del Festival: nel corso della sua lunga carriera Herzog ha saputo passare tra fiction e documentario, tra produzioni a budget ridotto e film con grandi star senza perdere nulla della propria identità. Se i premi non sono solo dei riconoscimenti ma anche dei segnali per il futuro, penso che Werner Herzog sia la persona più indicata a tracciare la strada che il Festival vuole percorrere. Una strada che pensa il cinema come un atto che coinvolge e “stravolge” le persone che lo fanno e che lo vedono. Un atto che richiede una ferma volontà e un’altrettanto precisa presa di posizione. La stessa che ha mosso Herzog a lasciare il suo villaggio sulle montagne della Baviera per percorrere le strade del mondo e tradurre in immagini e suoni le esperienze vissute, condivise, immaginate.»

In omaggio a Herzog verranno proiettati:
“Anche i nani hanno cominciato da piccoli” (“Auch Zwerge haben klein angefangen”, 1970)
“Aguirre furore di Dio” (“Aguirre, der Zorn Gottes”, 1972)
“L’enigma di Kaspar Hauser” (“Jeder für sich und Gott gegen alle”, 1974)
“Nosferatu – Il principe della notte” (“Nosferatu: Phantom der Nacht”, 1979)
“Fitzcarraldo” (1982)
“Dove sognano le formiche verdi” (“Wo die grünen Ameisen träumen”, 1984)
“Il diamante bianco” (“The White Diamond”, 2004)
“Grizzly Man” (2005)
“L’ignoto spazio profondo” (“The Wild Blue Yonder”, 2005)
My Son, My Son, What Have Ye Done (2009)

Scroll To Top