Fondazione Don Mazzi: Il 17 giugno “Tremenda voglia di vivere”

La Fondazione Don Mazzi promuove una serata spettacolo “Tremenda voglia di vivere” che si terrà il 17 giugno al Teatro Romano di Verona per presentare il concept progettuale del Centro Giovanile, basato sul concetto di sostenibilità ambientale, sociale ed economica, che sorgerà a Verona nei prossimi anni.

Durante la serata sarà presentata anche la Fondazione Centri Giovanili con la sua mission, attività in corso e progetti basati sulle “quattro ruote educative” di Don Antonio Mazzi quali musica, sport, teatro e volontariato, anche attraverso la presenza di testimonial di eccellenza del panorama artistico italiano. Tra essi, hanno confermato Don Mazzi, Max Laudadio, (conduttore), Jerry Calà, Renzo Rubino, Finley, L’Aura, Marco Ligabue, The Sun e per la prima volta a Verona Giovanni Vernia.

L’iniziativa, rivolta a tutta la cittadinanza, alle scuole, alle parrocchie e alle associazioni culturali (biglietti già in vendita presso Box Office Verona e circuito Unicredit tel. 045 80 111 54), ha quali obiettivi: la sensibilizzazione generale del pubblico sui temi sociali dell’integrazione dei giovani con disagi di diverso tipo; la trasmissione di un forte messaggio di solidarietà nei confronti delle nuove generazioni che subiscono, anche a causa del difficile momento storico, un forte disorientamento che può diventare pericoloso, per loro e per gli altri; la promozione, attraverso l’ormai consolidato claim di ‘Tremenda voglia di vivere’, della necessità e l’utilità dei centri giovanili che la Fondazione stessa ha costruito e sta costruendo (in particolar modo sul territorio veneto) per dare ai giovani luoghi di aggregazione che sostituiscano i ‘vecchi oratori’ con spazi ricreativi, culturali e di intrattenimento aperti H24. Spazi in grado, quindi, di offrire sempre più una risposta concreta ad un bisogno di aiuto.

Oltre ai significativi obiettivi culturali, lo spettacolo sarà una festa per celebrare le notevoli conquiste della Fondazione Don Mazzi negli anni, compresa quest’ultima dei centri giovanili.

Scroll To Top