Francesco Guasti: Il video di “Scintilla Dopo Scintilla”

“Scintilla Dopo Scintilla”, il singolo di Francesco Guasti uscito il 21 marzo scorso, ora ha anche un videoclip con la regia di Andrea Tani.

Il videoclip ha un duplice obiettivo: mostrare i cambiamenti concreti di una struttura carceraria e i mutamenti interiori dell’Uomo alle prese con scelte sbagliate o ostacoli quotidiani che si presentano.

Girato per metà all’interno del carcere di Sollicciano che per la prima volta apre alle telecamere, il video sceglie di affrontare anche in maniera meno sfacciatamente evidente, le problematiche legate a queste strutture, spesso al centro di dibattiti politici. Mai si è detto che il carcere è il riflesso di come cambia la società (quindi l’Uomo con le sue fragilità interiori): al passo anche con la storia contemporanea della criminalità.

Il videoclip girato fra Volterra, Sollicciano, le campagne di Villamagna e la tenuta di Kokopelli Animaterra sulle colline di Calenzano, vuole raccontare cambiamenti e trasformazioni dell’Uomo e lo fa con immagini prima crude girate all’interno di una cella, poi attraverso immagini che evocano libertà e purezza come il bosco, il fiume che viene superato nonostante le difficoltà e un’auto sempre in movimento, oltre che dall’amore per una donna. Immagini miste alla fantasia di super poteri che si accorge di avere il protagonista, nonostante ne sia stato finora ignaro ed abbia fatto della sua vita una prigione: sia immaginaria che, appunto, reale.

I “super-poteri” sono rappresentati da un gessetto che asseconderà ogni pensiero-fantasia-desiderio del protagonista, fino a fargli capire che quel pezzo bianco di gesso non è altro che la sua forza di volontà, la sua “forza” interiore, quella capace di divincolarsi e affrontare “trappole di ombrelli di cenere”.
Inoltre ad aprile 2014, Francesco, sarà ospite del “Rock Identikit tour” di Piero Pelù.

Fonte: Comunicato

Scroll To Top