Freddie Mercury, un team di ricercatori attesta la straordinarietà della sua voce

Un team di ricercatori austriaci, cechi e svedesi ha realizzato uno studio sulla voce del frontman dei Queen, Freddie Mercury, attraverso specifici test condotti su diverse registrazioni del cantante.

La ricerca, è stata poi raccolta all’interno di un articolo appena pubblicato da “Logopedics Phoniatrics Vocology” e intitolato “Freddie Mercury, acoustic analysis of speaking fundamental frequency, vibrato, and subharmonics”.

Lo studio ha portato a delle scoperte molto interessanti: sarebbe stata smentita, ad esempio, la notizia relativa all’estensione vocale di Freddie, da molti considerato tenore ma a quanto pare più ascrivibile ad un’estensione da baritono ed inoltre, avvalendosi del cantante professionista svedese Daniel Zangger Borch (in grado di fornire un’imitazione molto fedele alle performance vocali del cantante dei Queen), gli studiosi hanno potuto filmare la sua laringe a 4.000 frame al secondo, scoprendo una tecnica che Freddie era solito utilizzare, ovvero quella delle ‘subarmoniche’ (propria di alcuni canti etnici). Inoltre, si è potuto constatare come le corde vocali, si muovessero ad una velocità superiore rispetto a quella normalmente registrata negli esseri umani.

 

Scroll To Top