“Frontiere”: La prima volta con Tommy Lee Jones

Nasce dalla penna del Premio Pulitzer Cormac McCarthy (“The Road”, “Non è un paese per vecchi”), il film tv “Sunset Limited”, trasposizione della pièce teatrale sul Bianco e il Nero, personaggi senza nome che dibattono di vita, morte e fede. Uno straordinario titolo, realizzato dal network HBO, interpretato da Tommy Lee Jones e Samuel L. Jackson e diretto dallo stesso Tommy Lee Jones, che dopo l’anteprima del 27 settembre alle 19.30 presso il Multisala Galleria per “Frontiere” sarà trasmesso domenica 2 ottobre alle 21 su Cult (canale 319 di Sky) .

“Sunset Limited” (titolo originale “The Sunset Limited”) mescola dramma, umorismo e pathos, esaminando il rapporto tra due personaggi e la loro comune storia di disperazione. Tutto ambientato in un appartamento di New York, il film ha come protagonisti due uomini molto diversi, uno profondamente religioso (il nero, ex detenuto) interpretato da Samuel L. Jackson, che vanifica il tentativo di suicidio del bianco, professore universitario decisamente asociale (Tommy Lee Jones) che ha cercato di uccidersi gettandosi sui binari del metrò.

L’uno razionale, spirituale ed emotivo, l’altro solidamente ancorato alla sua disperazione. Ingabbiati in un dibattito filosofico, i due personaggi difendono con passione le loro personali convinzioni più profonde e ognuno proverà a convertire l’altro. In “Sunset Limited” “la dialettica classica è resa con un linguaggio estremamente moderno”, ha spiegato Tommy Lee Jones, “si tratta di due opposti punti di vista a confronto, che si interrogano sulle grande questioni: la vita e la morte, la fede, il futuro dell’umanità. Cormac McCarthy affronta questi temi sempre in maniera interessante e spesso divertente. Se riusciamo ad affrontare anche noi con questo tv movie le grandi questioni dell’esistenza in un modo anche divertente, cercando delle risposte, abbiamo fatto il nostro lavoro. Non c’è ragione per cui interrogarsi sui grandi temi non debba dare persino godimento “.

“Sunset Limited” è stato girato in dodici giorni presso gli studi Garson a Santa Fe in Nuovo Messico. Dopo alcuni giorni di prove con Samuel L. Jackson e lo stesso McCarthy, Jones ha cominciato a girare il film, che è stato suddiviso in cinquantadue scene, cosa che rende il film molto vicino allo script della pièce su cui è basato, proprio con l’intenzione di onorare la bellezza e l’eleganza della scrittura di McCarthy. Ha detto Jones, “Abbiamo cercato duramente, il più possibile, di rispettare e rendere lo stile verbale e la forza intrinseca del linguaggio di McCarthy. È stato necessario essere molto precisi perché i ritmi sono tutto “.
Samuel L. Jackson ha ammesso di essere stato un po’ intimorito dalla portata dello scritto di McCarthy: “Cormac è un paroliere straordinario, ma tutte quelle parole da imparare mi preoccupavano. È uno scrittore davvero molto poetico, molto musicale e molto divertente da recitare”.Fonte: Studio Sottocorno

Scroll To Top