George Miller parla dei prossimi progetti, smentendo le voci su L’uomo d’acciaio 2

Il prossimo progetto di George Miller, con tutta probabilità, non sarà “Mad Max: The Wasteland“, working title dell’attesissimo sequel di “Fury Road“.

«Spero che il prossimo che farò sia un film molto molto piccolo, senza effetti speciali e acrobazie», ha affermato ridendo lo stesso regista, durante un’intervista a Digital Spy, confermando però la volontà di fare due sequel di Mad Max (lo stesso Tom Hardy aveva parlato della possibilità di essere coinvolto in altri sequel, se gli incassi avessero dato l’esito sperato).

Sembra così che dovremo aspettare molto tempo prima di poter rivedere in azione Max Rockatansky, ma la decisione del regista appare più comprensibile, considerando la difficile lavorazione di “Fury Road”, tra problemi di budget e riprese in condizioni climatiche estreme.

Durante l’intervista, Miller ha inoltre definitivamente smentito le voci che lo indicavano come regista del sequel di “L’uomo d’acciaio”. «Dovevo fare “Justice League” che è collassato nel 2009» ha aggiunto il regista. «Non fu colpa di nessuno, ad eccezione del nuovo governo australiano, non agile a sufficienza con gli sgravi fiscali. Poi c’è stato lo sciopero degli sceneggiatori. I pianeti non si sono allineati. Ma sono sempre stato interessato alla cosa. Fondamentalmente lavoro sulle mitologie e i film di supereroi sono nuove incarnazioni della mitologia greca e romana».

Più sotto potete vedere il video dell’intervista di Digital Spy.

Fonte: Digital Spy

Scroll To Top