Gianni Amelio: A Berlino con “Felice chi è diverso”

Gianni Amelio sarà al Festival di Berlino (6 – 16 febbraio) nella sezione Panorama con il documentario “Felice chi è diverso“, un film che «racconta l’Italia del mondo omosessuale così com’è stato vissuto nel Novecento, dai primi del secolo agli anni ’80, quando si sono diffusi sulla scia di certi movimenti americani, i primi tentativi di “liberazione”».

«Alla mia età sarebbe un po’ tardivo, forse ridicolo. Altri dovrebbero essere i coming out davvero importanti, di chi froda il fisco per esempio, di chi usa la politica per arricchirsi — ha dichiarato Amelio nei giorni scorsi — Comunque credo che chi ha una vita molto visibile abbia il dovere della sincerità: e allora sì, lo dico per tutti gli omosessuali, felici o no, io sono omosessuale. L’omofobia è ancora imperante, capita anche che ragazzi si uccidano perché froci o ritenuti tali, e quindi scherniti, isolati, picchiati. Insomma la battaglia non è vinta, non c’è da noi un riconoscimento giuridico delle coppie. C’è poi ancora la difficoltà di farsi accettare dalla famiglia, soprattutto dai padri, ancora immersi in una cultura maschilista».

Sulla locandina di “Felice chi è diverso”, che potete vedere nella gallery a destra, c’è un disegno di Jean Cocteau.Fonte: TM News

Scroll To Top