Gil Rossellini: La malattia lo uccide e il film diventa testamento

Gil Rossellini ha dedicato tre film alla rara malattia che lo ha colpito dal settembre 2004. “Faccio il documentarista da vent’anni e non potevo non fare un documentario sulla cosa più interessante che mi sia accaduta: la mia malattia”, così raccontava in una delle sue ultime interviste a proposito dell’ultimo lavoro “Kill Gil 2 e ½”.

Stamattina alle 4,30, all’American Hospital, quella malattia lo ha ucciso e ora quelle parole si leggono come un vero e proprio testamento. Le sue opere-diario resteranno una testimonianza a disposizione dell’impegno sociale per i diritti dei disabili.

Il film di Gil Rossellini – ultimo capitolo della trilogia dei Kill Gil – sarà presentato il 25 ottobre al Festival Internazionale del Cinema di Roma, nella sezione “L’Altro Cinema/Extra”.Fonte: repubblica.it

Scroll To Top