Gli 8 capitoli del nuovo film di Lars Von Trier

La prima parte dell’atteso “Nymphomaniac” di Lars Von Trier sarà nelle sale italiane da giovedì 3 aprile distribuita da Good Films (qui una breve guida alle versioni del film e alla suddivisione in “volumi”).

“Nymphomaniac” è la storia di Joe (Charlotte Gainsbourg, già protagonista di “Antichrist”), una ninfomane, come lei stessa si autoproclama, raccontata attraverso la sua voce, dalla nascita fino ai cinquant’anni.

Nel cast anche Stellan Skarsgård, Shia LaBeouf, Christian Slater, Jamie Bell, Uma Thurman, Willem Dafoe, Jean-Marc Barr, Udo Kier e la debuttante Stacy Martin. La seconda parte arriverà al cinema il 24 aprile.

Ed ecco le brevi sinossi degli otto capitoli che compongono il film (i primi quattro fanno parte del Volume I):

Capitolo 1: “La pescatrice esperta”
Come può una semplice busta di cioccolatini diventare un simbolo di vittoria sessuale? Mentre Joe e la sua esperta amica B viaggiano su un treno, scommettono su quanti uomini riusciranno a sedurre durante il viaggio. In premio c’è una deliziosa busta di cioccolatini, e ben presto Joe capisce che per vincere dovrà indurre la sua preda ad abboccare all’amo, come farebbe un abile pescatore.

Capitolo 2: “Jerôme”
L’amore è solo lussuria con un pizzico di gelosia“. Sebbene l’amore sia solo un sentimento superficiale agli occhi di una cinica ninfomane, la giovane Joe viene stravolta da forze che riescono a penetrare ogni sua difesa. Lui si chiama Jerôme.

Capitolo 3: “La Signora H”
Mantenere i contatti con un vasto numero di amanti non è sempre facile, e Joe ben presto dovrà scontrarsi con le spiacevoli conseguenze dell’essere una ninfomane.
Dopo tutto, non si fa una frittata senza rompere qualche uovo.

Capitolo 4: “Delirio”
Delirio: Confusione. Illusione. Allucinazione. Muore il padre della ninfomane.

Capitolo 5: “La scuola di organo”
Un preludio corale di Bach: Tre voci, ciascuna con il suo carattere, ma in totale armonia. In altre parole: POLIFONIA La ninfomane trova ispirazione con facilità, e la mette in atto.

Capitolo 6: “La Chiesa d’Oriente e d’Occidente” (L’anatra silenziosa)
La Chiesa d’Oriente viene spesso definita la Chiesa della Gioia, mentre la Chiesa d’Occidente viene descritta come la Chiesa della Sofferenza. Se faceste un viaggio mentale da Roma verso l’est, scoprireste che ci si allontana dal senso di colpa e dal dolore e si procede verso la luce e la gioia. Ad ogni modo, quello che Joe apprende è che dolore e piacere sono molto più vicini di quanto si potrebbe immaginare.

Capitolo 7: “Lo Specchio”
L’immagine che si vede allo specchio a prima vista potrebbe sembrare l’esatta replica dell’oggetto che si sta guardando. Eppure, in realtà, non è affatto così, poiché l’oggetto sarà sempre una versione imperfetta dell’originale. Joe cerca di liberarsi della sua sessualità.

Capitolo 8: “La pistola”
Qualche volta non riusciamo a vedere le cose attorno a noi, perché ci sono troppo familiari. Ma se si cambia il punto di vista, improvvisamente, queste possono acquisire nuovi significati. Joe intraprende una losca attività, e ben presto scopre che la sua vita l’ha dotata di preziosi talenti.Fonte: Pressbook

Scroll To Top