Hollywood in ricordo di Mike Nichols

Dopo la notizia della morte di Mike Nichols, giunta ieri, i colleghi di Hollywood lo hanno ricordato con dichiarazioni ufficiali e, per chi lo usa, brevi commenti su twitter.

Gli appassionati di premi amano ricordare che Nichols era uno dei pochi EGOT, cioè un artista, in questo caso regista cinematografico e teatrale, premiato con Emmy, Grammy, Oscar e Tony.

Meryl Streep, protagonista di “Silkwood”, “Heartburn”, “Cartoline dall’inferno” e “Angels in America”: «Conoscere Mike rappresentava per me una gioia e una continua fonte di ispirazione. Un regista capace di fondere lacrime e risate, semplicemente un amico senza il quale, beh, il nostro mondo sarebbe diverso. Un uomo insostituibile».

Julia Roberts, che aveva lavorato con Nichols in “Closer” e “La guerra di Charlie Wilson“: «Ci sono così pochi eroi nel nostro mondo, così pochi artisti tanto dotati, e così poche persone capaci di incarnare incondizionatamente l’amore e l’amicizia. Mike Nichols era unico. Fantastico sotto ogni punto di vista. Le sue riflessioni erano delle perle, le sue battute perfette e senza tempo, e le sue storie così ricche appassionanti. Avresti voluto vivere avvolto dal suo abbraccio per sempre. [...] Era il mio amico più caro».

Tom Hanks, “La guerra di Charlie Wilson”: «Avanti. Dobbiamo sempre andare avanti. Altrimenti cosa sarà di noi? Così diceva Mike Nichols, che ha cambiato la vita di coloro che lo conoscevano, che lo amavamo, e che sentiranno tantissimo la sua mancanza».

Natalie Portman, tra i protagonisti di “Closer”: «Non so scrivere nulla che possa rendere giustizia a Mike. Era lui quello che trovava sempre le parole giuste, che ti abbracciava quando ne avevi bisogno, che scherzava per alleviare il tuo dolore. Mi ha salvata, ancora e ancora. Era il migliore, come persona e come artista. E il più divertente».

Art Garfunkel, che ha scritto con Paul Simon l’indimenticabile colonna sonora di “Il Laureato” e, come attore, è apparso in “Comma 22″ e “Conoscenza carnale”: «La vita sarà diversa ora, la Terra più spenta. Mike Nichols è morto. Recitare per lui era come sentirsi fluire in una liquida pellicola di intelligenza».

Fonte: The Hollywood Reporter

Scroll To Top