Iggy Pop contro la tortura nella campagna di Amnesty International

Correlati

Iggy Pop è uno dei testimonial d’eccellenza della campagna di Amnesty International contro la tortura. La campagna cela un po’ di ironia se guardiamo la foto di Iggy Pop e il suo messaggio, chiaro e coinciso che ci lascia il sorriso sulle labbra: “Il futuro del rock, è Justin Bieber”.

La campagna è stata battezzata “Sotto tortura, un uomo può dire qualsiasi cosa”. E Iggy Pop non è stato l’unico a prenderne parte. Insieme a lui, infatti, anche il Dalai Lama ha sposato la stessa causa.

Entrambi appaiono in foto sanguinanti, come se avessero subito delle torture. E mentre Iggy Pop pensa a Justin Bieber, nemmeno al Dalai Lama manca la giusta dose di ironia: “Un uomo che a 50 anni non possiede un Rolex ha sprecato la propria vita.”

Scroll To Top