Il Cinema Ritrovato: Giornata conclusiva

La guerra d’Indocina raccontata da chi l’ha vissuta in prima persona: Il Cinema Ritrovato chiude con un film forte, uno sguardo sulla violenza dell’uomo contro l’uomo, sulla miseria umana. Insomma, sulla guerra.
Nel 1965 Pierre Schoendoerffer portava il suo “La 317ème Section” al Festival di Cannes (dove vinceva anche il premio per la miglior sceneggiatura): ora quello che è considerato il più bel film francese sulla guerra torna a far risplendere il suo bianco e nero grazie al nuovo restauro, scelto per la serata conclusiva del festival Il Cinema Ritrovato, domani, sabato 3 luglio, ore 22, in Piazza Maggiore (presenta Serge Toubiana direttore della Cinémathèque française). Tre anni in Indocina per Pierre Schoendoerffer, come cameramen e fotografo, ma tutti i giorni a fianco dei soldati, compagni di una quotidianità terribile, visti morire a poco a poco.

Se la sera di sabato 3 luglio sarà una sorpresa per molti spettatori del Cinema Ritrovato, nel corso della giornata si avvicenderanno i tanti temi che hanno attraversato questa 24ª edizione del festival, dalla retrospettiva John Ford al cinema di cent’anni fa, dalla retrospettiva Stanley Donen (“Funny Face”, ore 18, Cinema Arlecchino) a quella dedicata al cinema italiano (“Donne Senza Nome”, ore 18.15, Cinema Lumière) ed europeo (“In Jenen Tagen”, ore 10, Cinema Lumière) del secondo Dopoguerra.

Si addentra invece nel rapporto tra Alessandro Blasetti e la televisione la ricerca di Michela Zegna e Alfredo Baldi, che presenteranno, assieme a un nome storico del nostro cinema, Ugo Gregoretti, alle ore 14.30 in Sala Scorsese al Cinema Lumière il Dossier Blasetti, dedicato a L’arte di far ridere, cinque serate realizzate per l’allora Rete 1 (oggi Rai 1) tra il dicembre del 1973 e il gennaio del 1974, raccogliendo pezzi di classicità comica dal cinema, dal teatro, dal circo, dall’avanspettacolo, dalla televisione stessa.

Intanto Il Cinema Ritrovato DVD Awards ha emesso le sue sentenze, premiando, tra gli altri il cofanetto edito da The Criterion Collection dedicato alla trilogia di Roberto Rossellini composta da Roma città aperta, Paisà e Germania anno zero, e la riedizione in Blu-Ray (per Cinecittà Luce) del film di Anton Gino Domeneghini La rosa di Bagdad (cfr. scheda allegata).

Scroll To Top