Joe Dante dirigerà il thriller soprannaturale Labirintus

Nuovo progetto in vista per Joe Dante, regista amatissimo da un’intera generazione di cui, nell’ultimo decennio, Hollywood sembra essersi quasi dimenticata. Dirigerà, infatti, il thriller soprannaturale “Labirintus“, prodotto da Goldcrest.

“Labirintus” racconterà la storia di un investigatore del paranormale e un ricercatore psichiatrico, che uniranno le forze per esplorare una struttura sovietica sotterranea nascosta sotto il Labirinto di Budapest, la zona oscura che circonda le catacombe sotto il castello di Buda. Durante l’esplorazione, forze soprannaturali cominceranno a tormentare il team di ricerca, tanto da portare i due a mettere in dubbio la propria sanità mentale. Per mettere la squadra in salvo, dovranno riuscire ad affrontare le loro paure.

“Labirintus” sarà prodotto da Fabrice Lambot della Metaluna Productions, Lucy Mukerjee-Brown della Mukerjee-Brown Productions, Elizabeth Stanley della Elizabeth Stanley Pictures e Jean-Charles Levy di Forecast Pictures.

Pascal Degove di Goldcrest Films ha dichiarato: «È straordinario poter lavorare con Joe Dante – un regista che è riuscito ad emozionare, sorprendere e spaventare il pubblico per tutta la sua carriera. “Labirintus” è un viaggio pauroso e inquietante nella psiche e Joe è il regista perfetto per portarlo sul grande schermo».

«Fabrice, Lucy, Elizabeth ed io siamo entusiati di collaborare con Goldcrest per questo avvincente e spaventoso film».

Non sarà la prima volta per Joe Dante alle prese con l’argomento, dopo il sottovalutato “The Hole” del 2009, ottimo horror per ragazzi in cui i protagonisti se la dovevano vedere direttamente con le proprie paure.

La trama di “Labirintus” potrebbe vagamente riportare alla mente film come “Punto di non ritorno”, horror fantascientifico diretto da Paul W. S. Anderson, o le atmosfere di opere come “Alle montagne della follia” o altri racconti di Lovecraft. Non sappiamo quale sarà il tono di questa folle viaggio nella psiche, ma il regista di “Gremlins” è certamente noto per l’ironia nera del tutto personale e la comprovata esperienza con il genere horror (tra i suoi film, pellicole di culto come “Piranha” del 1978, “L’ululato” del 1981 e uno dei migliori episodi di “Masters of Horror”, “Homecoming”).

L’ultimo film di Dante, la commedia horror “Burying the Ex”, è stato presentato alla 71a Mostra di Venezia nel 2014 ed è stato distribuito in Video on demand nell’estate 2015 negli Stati Uniti, con un’uscita ufficiale il 19 giugno 2015. In Italia è ancora inedito.

Fonte: Variety

Scroll To Top