King Hu: Le arti marziali in rassegna

Al Cinema Lumière di Bologna arrivano i capolavori di King Hu, massimo maestro cinese del cinema di arti marziali. Una retrospettiva che si inaugura alla Cineteca di Bologna (per poi toccare Torino e Parigi) giovedì 1° dicembre alle ore 18.30 al Cinema Lumière con il documentario “King Hu” di Hubert Niogret (lo studioso francese che fu fra i primi a scoprire l’opera del regista cinese), il quale incontrerà il pubblico in sala assieme al curatore del ciclo King of Zen. Il cinema di King Hu Lorenzo Codelli.
Di nuovo Niogret e Codelli introdurranno la proiezione di “ComeDrink with Me”, primo titolo di King Hu in rassegna, alle ore 20.15, sempre di giovedì 1° dicembre.

Un cineasta per il quale i confini dello schermo cinemascope non erano sufficienti, celebre per l’uso spericolato dello spazio filmico, per il montaggio iper-rapido, le capriole aeree impossibili, per i suoi attori atleti/ballerini/filosofi/aedi. King Hu ha affrontato un’infinità di miti cinesi antichi proiettandoli al centro del mondo contemporaneo e, pur avendo realizzato poco più di una decina di lungometraggi, ha influenzato, autori come John Woo, Zhang Yimou, Ang Lee.

La retrospettiva King of Zen. Il cinema di King Hu proseguirà fino a giovedì 15 dicembre al Cinema Lumière, presentando sette film tutti in versione originale con sottotitoli italiani. Di seguito i dettagli degli appuntamenti.

Giovedì 1° dicembre, ore 18.30, Cinema Lumière
KING HU (Francia/2011) di Hubert Niogret (48′)
Lo studioso francese che fu tra i primi a scoprire l’opera di King Hu, e che contribuì personalmente al restauro di Touch of Zen, propone un ritratto sfaccettato del grande regista attraverso i ricordi di collaboratori e storici asiatici.
Introducono Hubert Niogret e Lorenzo Codelli
Versione originale con sottotitoli italiani

Giovedì 1° dicembre, ore 20.15, Cinema Lumière
COME DRINK WITH ME (Da Zui Xia, Hong Kong/1966) di King Hu (94′)
In questa pietra miliare del genere, Zheng Peipei interpreta la spadaccina Rondine Dorata che riesce a sconfiggere Tigre di Giada grazie all’aiuto del Cavaliere Ubriaco. Tra le innovazioni, l’inclusione di elementi tratti dalle saghe nipponiche di samurai. (Paul Fonoroff)
Introducono Hubert Niogret e Lorenzo Codelli
Versione originale con sottotitoli italiani

Martedì 6 dicembre, ore 21.40, Cinema Lumière
A TOUCH OF ZEN – LA FANCIULLA CAVALIERE ERRANTE
(Xia nu, Taiwan/1971) di King Hu (180′)
Il titolo cinese significa “La giovane cavaliera errante”, ed è un film interamente filosofico che trasforma cioè in azione e gestualità i canoni Zen: precisione, rigore, controllo di sé, ascesi, lealtà, efficacia. (Hubert Niogret)
Versione originale con sottotitoli italiani

Mercoledì 7 dicembre, ore 20, Cinema Lumière
THE PAINTED SKIN (Hua Pi zhi Yinyang, Hong Kong/1993) di King Hu (94′)
Come Touch of Zen anche questo film s’ispira alla famosa raccolta di storie soprannaturali e di fantasmi scritta da Pu Songling. Madame You, la protagonista, è una ‘pelle dipinta’, cioè uno spirito condannato a vagare nell’aldilà prima di riuscire a reincarnarsi. (Stephen Teo)
Versione originale con sottotitoli italiani

Venerdì 9 dicembre, ore 17.30, Cinema Lumière
THE VALIANT ONES (Zhonglie Tu, Taiwan/1975) di King Hu (107′)
“Ambientato nell’era Ming, il film è concepito come una serie di tableaux d’azione che fanno risaltare l’interesse di Hu per la strategia militare e il suo gusto nel dirigere o costruire ogni tipo di varianti coreografiche”. (Stephen Teo)
Versione originale con sottotitoli italiani

Martedì 13 dicembre, ore 22.15, Cinema Lumière
RAINING IN THE MOUNTAIN (Kongshan Lingyu, Hong Kong-Taiwan/1979)
di King Hu (120′)
Tre guerrieri a caccia d’un prezioso manoscritto in un monastero di montagna si scatenano come topi dentro labirintici corridoi. Il movimento in questo film è sensualissimo, quasi astratto. Tanto da farci capire come nell’opera di Hu il movimento rappresenti un fine in sé. (Stephen Teo)
Versione originale con sottotitoli italiani

[PAGEBREAK]

Mercoledì 14 dicembre, ore 20, Cinema Lumière
DRAGON INN (Longmen Kezhan, Taiwan/1967) di King Hu (111′)
Ambientato per gran parte nella Locanda del Dragone situata in mezzo al nulla, ove dei malvagi eunuchi tentano di rapire i figli d’un ministro, il film è narrativamente compatto grazie all’unità di luogo, azione, personaggi e trama. (Stephen Teo)
Versione originale con sottotitoli italiani

Giovedì 15 dicembre, ore 20.45, Cinema Lumière
LEGEND OF THE MOUNTAIN (Shan Zhong Chuanqi, Taiwan/1979) di King Hu (191′)
“Girato anch’esso in Corea del Sud poco dopo Raining in the Mountain, il film possiede un analogo senso di dislocazione, con dei personaggi che vagabondano in uno spazio impenetrabile. Troviamo vari riferimenti a Touch of Zen nonché alle ghost storiesdel cinema e della letteratura cinesi. (Stephen Teo)
Versione originale con sottotitoli italianiFonte: CinetecaUfficioStampa2

Scroll To Top