La polemica del Vaticano

“Angeli è Demoni” è, senza dubbio, il film più atteso di questo mese. Dal 13 maggio sarà nelle sale di tutta Italia e domani ci sarà la prima mondiale all’Auditorium Parco della Musica di Roma.

Non è solo l’attesa a lasciar parlare del film, ma anche le polemiche sorte dalla collaborazione negata dal Vaticano. “Abbiamo girato ‘Angeli e Demoni’ anche a Los Angeles perché il Vaticano non ci ha permesso di continuare le riprese in varie location capitoline”, dichiara il regista Ron Howard.

Il film, ambientato a Roma, in Vaticano e in diverse Chiese, oltre che a Ginevra, ha dovuto utilizzare la Reggia di Caserta e ha messo in moto finti turisti che sono andati a fare filmati e fotografie nei luoghi sacri. Riprese fatte di nascosto che sono servite a trasformare Hollywood Park in Piazza Navona.

“Non abbiamo cercato di alimentare la controversia – spiega il regista – diciamo che sono conteto se si parla bene o male di me, oltre che del mio film, purché se ne parli”.

A dire l’ultima sulla polemica del Vaticano è l’attore protagonista Tom Hanks: “Se i preti non sono d’accordo con il nostro film semplicemente possono non venire a vederlo”.

Scroll To Top